AttualitàCultura e MusicaEconomia

Resistenza & Resilienza. Una risposta squisitamente apolitica all’attuale situazione

C'è chi ha il coraggio di riappropriarsi di un termine abusato

Evento del 20 maggio

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha giustamente lanciato  un suo appello per lo scorso 25 aprile per il quale  “la pandemia nel mondo che ha colpito i popoli del mondo ci costringe a celebrare nelle nostre case“. Ma che naturalmente mantiene intatto “il suo valore di data fondatrice della nostra esperienza democratica di cui la Repubblica è presidio con la sua Costituzione”.

Una giornata che quest’anno ancor di più ha rappresentato un momento per riflettere sui “valori che hanno reso straordinario il nostro Paese”; che gli hanno consentito di superare “ostacoli che sembravano insormontabili”.

Ma Resistenza purtroppo, in Italia, è ed è stato anche un termine abusato, con strumentalizzazioni di parte, soprattutto perché  essa non ebbe una sola ma diverse componenti e anime. Fu una vicenda durissima per tutti, come ogni guerra civile.

intorno ad essa si è spesso assistito alla ripetizione di proclami e slogan creati, ad arte e a senso unico, per ogni stagione. Anche perché, arrogandosi tuttora diritti ingiustificati di rappresentanza esclusiva, il «Mito della Resistenza», per gli eredi degli artefici di  una simile operazione, continua ad essere oggi uno strumento di lotta politica, a tratti bieco e protervo nella sua intolleranza.

Della contraddizione italiana, per le ragioni sopra esposte, il caso emblematico sono le diverse connotazioni assunte negli anni dalla Festa della Liberazione. C’era una volta la stagione dell’apoteosi comunista, sostituita dopo il crollo del muro di Berlino con un più sobrio e solenne ritorno alla classicità condivisa dell’era della presidenza della Repubblica di Carlo Azeglio Ciampi. Nell’ultimo ventennio abbiamo assistito a una deriva psichedelica ad opera di organizzazioni che anagraficamente sempre meno hanno rappresentato la matrice di chi realmente partecipò alle vicende commemorate. Il 25 aprile dei sindacati, quello degli immigrati, quello antiberlusconi, quello anti-sovranista, poi la surreale assimilazione con il movimento delle Sardine. Fino al paradosso supremo delle afferenze con il mondo LGBT. Via via quest’anno, tra patetici canti di Bella Ciao dal balcone, si sono stagliate all’orizzonte le brigate covid-19.

Fortunatamente, vi è ancora chi cerca di non lasciare l’esclusiva del termine Resistenza, riappropriandosene, riproponendolo in un’accezione che risulta proprio in linea con le parole succitate del Capo dello stato.

E’ il caso della chat Resistenza&Resilienza, in collaborazione con Vento&Associati, che promuove in data odierna l’evento:

 

Evento del 20 maggio

La chat in questione consiste in un gruppo di intellettuali, giornalisti, economisti ed esperti, detti “I Resilienti”, che quotidianamente trattano in chat le tematiche principali relative all’emergenza Covid-19.

Una risposta squisitamente apolitica alla attuale situazione, con proposte, iniziative e dibattiti costruttivi che mano a mano arricchiscono la conoscenza su tematiche di basilare importanza per affrontare la crisi e iniziare a pensare ad un “dopo Covid-19” in maniera più concreta.  Mantenersi in  contatto, questo l’obiettivo primario. E, poi, aiutare a capire e affrontare i cambiamenti.  Oppure, mettere nero su bianco le ricette per trasformare  la crisi in opportunità.

Grazie al confronto delle idee, alla riflessione per non piegarsi e andare oltre, ecco l’azione di una Community di imprenditori, professionisti e comunicatori uniti dalla proposizione di fronteggiare con maggiore efficacia gli sviluppi anche più negativi restando  attivi e partecipativi nel perseguire l’obiettivo  di riavviare l’economia appena sarà possibile e, dunque, riprendere il lavoro nelle modalità più tradizionali, pur sapendo che il mondo non sarà più lo stesso. Occasione anche per fornire un’informazione verificata, corretta, utile e positiva al lavoro dell’impresa.

Per partecipare  alla chat è sufficiente  scrivere  a:  sostenibilita@ventoeassociati.it

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: