Economia

Resta stabile il numero delle imprese savonesi

Nei mesi di luglio ed agosto il numero delle imprese iscritte al Registro della Camera di Commercio è rimasto sostanzialmente invariato per quanto riguarda la provincia di Savona. Al 31 agosto risultano iscritte 31.717 imprese, vale a dire 2 in meno rispetto al 30 giugno (-0,01%). Lo stesso trend caratterizza la provincia di Imperia (-3 imprese, -0,01%), mentre il saldo è positivo sia a Genova (+102 imprese, +0,12%) sia alla Spezia (+65 imprese, +0,31%). A Savona, lo scorso anno, tra giugno e agosto, si era registrato un incremento dello 0,17%).

Questo è quanto emerge da una rilevazione effettuata da Unioncamere sui dati del Registro delle imprese delle camere di commercio, elaborati da InfoCamere. A livello nazionale, nonostante la crisi, le imprese che aprono i battenti superano ancora nel numero quelle che cessano l’attività: il saldo del bimestre luglio-agosto risulta infatti positivo e pari a +9.668 unità, con un tasso di crescita dello 0,16%. Hanno superato però quota 41 mila le cessazioni registrate nel bimestre estivo, il dato peggiore dal 2009. Le iscrizioni, invece, sono state lievemente più numerose dello scorso anno (quasi 51 mila a fronte di poco meno di 50 mila di luglio-agosto 2011). Il saldo, quindi, resta positivo ma si tratta del risultato peggiore da quando la crisi ha interessato il nostro Paese. “La crisi sta progressivamente erodendo la capacità di resistenza di tantissime nostre imprese, anche se non spegne la voglia d’impresa di tanti italian – sottolinea il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello -. L’elevato numero di cessazioni e, soprattutto, il rallentamento della dinamica espansiva registrato nelle regioni settentrionali nel periodo estivo, suona come un campanello d’allarme delle condizioni difficili in cui sta vivendo il Paese e dello stato d’animo di incertezza dei nostri imprenditori. In questo contesto, si rendono ancora più urgenti le misure per la crescita che il Governo ha in programma di attuare”. Il rallentamento della crescita delle imprese ha colpito in questi 2 mesi proprio le aree produttive maggiormente sviluppate. L’intero Centro-Nord presenta infatti tassi di crescita più contenuti dello stesso periodo dell’anno scorso. In particolare nel Nord-Est la crisi sembra “raffreddare” l’anima imprenditoriale dei suoi abitanti, facendo crescere l’indicatore della nati-mortalità di solo lo 0,07%, in contrazione dallo 0,18% di un anno fa. Analoga sorte interessa Nord-Ovest e Centro, il cui tasso di crescita nel bimestre è pari allo 0,11%, in riduzione rispetto al +0,17% e +0,25% del 2011. In controtendenza il Mezzogiorno, dove l’indicatore della crescita (+0,28%) segna un aumento rispetto a quanto registrato nel bimestre estivo 2011.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: