Cultura e Musica

Ricordando Mirko Occelli

Ad agosto fra le ricorrenze importanti vogliamo ricordare la figura di Mirko Occelli: maestro autentico nel farraginoso mondo artistico savonese. Siamo certi che se avesse realizzato il suo desiderio di lavorare a tempo pieno per l’ARTE non avrebbe dedicato tutte le sue energie solo alla concretizzazione dei suoi ideali creativi, per Lui essere artista era anche un impegno civile: sentiva  e coltivava la necessità di coinvolgere sul territorio, nella nostra città, chi si esprime attraverso i mezzi artistici. Aveva allacciato rapporti con la Toscana e dall’amicizia con Giacomo Corti erano nati progetti da realizzare ed estendere fuori dei confini campanilistici di certe nostre realtà.

Ragionando su quel suo modo d’essere, dobbiamo ascoltare e raccogliere le sue intenzioni e dobbiamo creare strutture reali per chi vorrebbe intraprendere il lungo e pesante cammino attraverso le arti creative. Bisogna che coloro che hanno vissuto accanto a maestri autentici nella loro passione e sinceri nel loro attaccamento all’Arte, usino la loro straordinaria esperienza di vita come leva per edificare in concreto un centro per diffondere l’arte e accogliere artisti nuovi e non, anche dall’estero. Questo si legge tra le righe dell’eredità ideale lasciata da Corti ed Occelli,che si ponevano al di fuori e al di sopra del narcisismo patologico in cui si crogiolano di solito gli Artisti: erano tesi a indicare strumenti, mezzi, costruire ambienti, ma soprattutto svelare la loro visione della capacità artistica come impegno civico, pedagogico ed etico. La coscienza di saper creare non ha offuscato in loro il desiderio di offrire agli altri la possibilità di assaporare la bellezza in equilibrio con il valore etico e autentico della stessa, che ben era radicato nel vivere artisticamente di Mirko Occelli. Spetta quindi agli eredi morali di continuare a scavare questo cammino completamente nuovo ma necessario non solo per le generazioni di giovani che aspirano a realizzare le loro potenzialità artistiche, ma anche e soprattutto per la gente comune che può trarre dall’Arte Vera sostegno morale e materiale: quando l’Arte diventa credibile, il Bello si fruisce sotto ogni aspetto estetico quanto economico. Ci siamo resi conto,amici e colleghi, che Mirko Occelli ha tracciato un cammino che le nuove generazioni di artisti e cultori dell’arte dovrebbero continuare a percorrere, come pure diffondere le idee innovative che ha diffuso e che sono esse stesse scavate nel passato dell’Arte. All’origine della sua creatività vi sono due fondamentali principi potremo considerare un giuramento per chi vuole essere ricordato nelle pagine della storia dell’Arte: ricerca tecnica e dirittura morale, nessun compromesso né materialistico né ideale. Nelle sue opere si rispecchiano questi suoi convincimenti. Il rigore del gesto creativo e la sua dirittura morale. Secondo l’Artista senza una tradizione sancita da secolari attività artigianali e artistiche come quella, che è radicata sul nostro territorio, non si può essere annoverati nella schiera dei Maestri e sancire la matrice “albissolese” delle proprie opere. Sentiva fortemente il legame del presente con il passato, la contemporaneità civica e religiosa, che risale verso le origini; è questo un tema importante per Mirko Occelli che ha illustrato in un’opera di ampio respiro in cui ha rappresentato, fra autorità della vita civile e della nostra rappresentati Chiesa, figure di bambini a voler significare “simboli di libertà non condizionate”. Attraverso la sua attività di artigiano e di artista si lega alla vita della città: organizza una sorta di gemellaggio con “La fabbrica dei sogni”, un’Associazione culturale Pietrasanta di Lucca, insieme alla quale presenta anche una collettiva nell’Atrio del Palazzo del Comune dal titolo “Migrazioni”. Nonostante la brevità della sua attività umana, è riuscito a realizzarsi come eccellente “fabbricante di sogni” e paladino dell’Arte.

Gabriella De Gregori

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: