Politica

“Riformismo, il futuro dell’Italia”

Lunedì 28 maggio, alle ore 18.00, nella Sala Rossa del Palazzo Comunale di Savona, la Federazione Provinciale del PSI ha organizzato un importante incontro-dibattito dal titolo “Riformismo, il futuro dell’Italia”, nel quale interverranno l’On. Ugo Intini, l’On. Andrea Orlando e il Presidente del Circolo degli Inquieti, Elio Ferraris.

 Le recenti elezioni amministrative hanno sancito, senza equivoci, la fine della Seconda Repubblica. Ovunque è crollato il fronte del centro-destra e deludente è stato il risultato del Terzo Polo. È esploso, come non mai, l’astensionismo e si sono registrati i buoni risultati del Movimento 5 Stelle. Per contro, le coalizioni di centro-sinistra vincono largamente un po’ ovunque con una tenuta, seppur faticosa, del PD e con IDV e SEL che incassano risultati certamente inferiori alle aspettative. In questo panorama, ottiene un risultato soddisfacente anche il PSI, che partecipa in modo significativo alle molte vittorie del centrosinistra, eleggendo alcuni sindaci e, in tutta Italia, un nutrito numero di consiglieri comunali. Le grandi vittorie socialiste in Francia e nelle regioni tedesche sono indicative di un’Europa che cambia, nella quale i cittadini europei si aspettano dai socialisti un ruolo sempre più determinante. E in Italia? I contorni della “foto di Vasto” si fanno sempre più sbiaditi, mentre i risultati del primo turno e dei ballottaggi del secondo, confermano la validità della nostra proposta per la costruzione della “Casa dei Riformisti e Democratici” in vista delle prossime elezioni politiche. Su questo terreno lanciamo la sfida alle forze del centro-sinistra e, in primo luogo, al PD, invitandolo a fare un deciso scatto in avanti sulla strada della costruzione di una vera alleanza riformista, in grado di sviluppare politiche per la crescita, che sappiano opporsi allo smantellamento dello stato sociale e alla deriva dell’antipolitica. Questo il senso della nostra iniziativa, dalla quale auspichiamo possano partire segnali forti per la costruzione, anche in Italia, della “Casa dei Riformisti”.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: