Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀ

Roberto Fresia, un savonese speciale

Abbiamo incontrato Roberto Fresia nel suo ufficio in via Paleocapa, l’Agenzia di Assicurazione UnipolSai – Insieme, di cui è contitolare, dopo l’incorporazione di Winterthur, di cui era stato lo storico agente, in Unipol. Roberto Fresia, classe 1953, sposato due volte, padre di tre figlie, appartenente alla stessa famiglia della Fresia Spa, nota industria metalmeccanica di Millesimo, ci parla della sua esperienza nel Lions Club, per la quale, senza clamori, in quello che pare un suo stile di riservatezza e di “essere più che apparire”, ha ricoperto e ricopre incarichi di importanza internazionale, avendo seduto nel Consiglio internazionale, a Chicago, negli Stati Uniti, quale “International Director”, mentre a Savona è semplicemente socio di uno dei tre Clubs. Quest’anno ricorre il centenario della fondazione del Lions e Fresia va fiero di appartenere a questa Associazione che, grazie a personalità quale è lui, si dedica a molte ed importanti iniziative di carattere umanitario, benefico e sociale. Si ha idea del Lions come di un club esclusivo, riservato ad una stretta élite di professionisti e di dirigenti, ma parlare con Roberto Fresia ci aiuta a comprendere una realtà diversa. Fresia ha una grande esperienza umana, è forse per quello che ha fatto strada in una grande Associazione e non solo, per il Club dei Lions, ma anche per gli organismi di rappresentanza della sua categoria professionale è sempre stato in prima fila. La morte del padre, avvenuta quando era ancora molto giovane ed un incidente automobilistico che poteva essergli fatale, ci dice, gli hanno cambiato la vita. Tale sua esperienza umana emerge, parlando con lui, nei tanti fatti che ci racconta, che potrebbero essere raccolti in un diario o in un libro, ed avere quella notorietà cui egli non sembra interessato! Estroverso, affabile, coinvolgente, confida di essersi sentito a disagio per l’emozione, lui abituato a parlare ad un pubblico di centinaia di persone, un’unica volta, in occasione del conferimento della cittadinanza onoraria da parte del comune di Inverso Pinasca, paese della provincia di Torino, per le attestazioni di commossa stima ricevute, a seguito del suo interessamento, quale Governatore del Lions, per la ricostruzione del Centro sociale, andato distrutto, nel 2000, per un’alluvione. Tale fatto ci introduce a conoscere le attività sociali dei Lions di cui Fresia ci parla con entusiasmo. La sua vita è stata ed è dedicata al lavoro ed all’Associazione, il Lions Club, di cui è entrato a far parte, dal 1° aprile 1978, durante la serata di gala del 5° convegno nazionale dei Leo Clubs, di cui è stato socio sin dal 1972, quasi per un lascito di famiglia, per adempiere ad un desiderio del padre che l’aveva lasciato tanto presto!

La Gioventù, l’Africa e la LCIF (la Fondazione Internazionale del Lions),- ci dice Fresia-, sono stati i grandi temi del mio impegno nei Lions. Quest’anno ricorre il sessantesimo anniversario del primo “Leo” Club, ovvero il Lions dei Giovani, che, in Italia, approdò nel 1969 – il primo fu quello di Arenzano – . Per 19 anni mi sono occupato dell’organizzazione dei campi della Gioventù Lions e degli Scambi Giovanili, il cui fine è stimolare lo spirito di comprensione tra i popoli del mondo. Il percorso formativo dei campi, generalmente, si svolge per due settimane in campo e per due o tre settimane in famiglia.

Sono stato direttore del più grande campo al mondo, con 94 persone provenienti da 28 nazioni, per sei anni. Organizzavo il campo in una scuola di Bagnone, in Lunigiana, a luglio, approfittando delle cuoche della scuola.

Bisogna amalgamare tutti i giovani partecipanti: questo lo spirito lionistico: la pace, i rapporti tra le persone.

Anche le figlie di Roberto sono coinvolte nell’associazione e sono o sono state responsabili di club, di distretto o a livello internazionale. Durante la nostra chiacchierata, anzi, da una di loro è stato chiamato per avere lumi su di un problematica insorta.

Nel blog internazionale pubblicato per il sessantesimo dei “Leo”, quest’anno – continua Fresia – il primo articolo era proprio dedicato alla nostra famiglia, per la presenza che tutti, in famiglia, abbiamo avuto nei “Leo”. Ci hanno chiamato “Leo Family”!

Fresia è immerso nell’attività dei Lions, con una dedizione ed un coinvolgimento rari; felice di farvi parte, instancabile, come nel lavoro!

Successivamente al mio Governatorato del 2000/2001, dal 2002 inizia un impegno costante per l’Africa.

Il prossimo gennaio 2018 sarà in Togo, l’ennesimo dei suoi viaggi in Africa, per cui, tra l’altro, è un riferimento insostituibile e importante per il comitato ad hoc costituitosi per riuscire a far approdare il Lions in Eritrea, uno dei Paesi dell’Africa forse più in difficoltà.

Tutto iniziò con la “Fondazione Internazionale”, nel 2000, per celebrare il ventesimo anniversario del mio Lions Club Savona Torretta dove decidemmo di regalare un pozzo d’acqua all’Africa; avevamo pensato all’Eritrea appunto, ma visto che non potevamo usufruire del 50% di contributo della nostra LCIF per la mancanza di Club Lions nel paese, siamo andati in Etiopia e, a Zway, abbiamo costruito il pozzo, della profondità di centoventi metri, tanta è stata necessaria per raggiungere l’acqua in quel Paese arido, che è un altopiano! Non posso dimenticare lo spillare della prima acqua, quando il capo del villaggio intervenne brandendo la lancia, simbolo della dignità del suo grado, della sua autorità e simbolo da decenni della sua famiglia, la cosa più importante per lui e per la sua comunità, mi disse che quello che avevamo fatto era più importante di quella lancia.

Il Presidente della Repubblica d’Etiopia affermò che noi non possiamo immaginare quale grande regalo abbia significato quel pozzo e attestò che contava su di noi; mi disse: “Siamo il terzo paese più povero del mondo, continuate ad aiutarci, voi Lions siete gli unici che ci date senza chiederci nulla in cambio”.

Altra tappe importante dell’attività fu l’elezione, nel 2006 al Forum Europeo di Bournemouth, di Fresia quale presidente del Comitato Euro Africano, che ora svolge un’intensa attività, e da allora la sua presenza è costante in Africa una o due volte l’anno a cominciare dal 2007 nello Zimbabwe. Chi è interessato può visitare il sito www.euroafricalions.org

We, noi, insieme, è il motto cui sempre ci ispiriamo – continua Roberto – in una costante collaborazione e con lo spirito di dedizione che ci caratterizza. La Fondazione internazionale eroga il cento per cento di quello che riceve, quando altre organizzazioni importanti (vedi la pubblicazione sul Financial Times del 2007) trattengono quote anche di una certa entità per le spese, che la Fondazione Lions si assume invece per l’intero.

Abbiamo contribuito in modo determinante, e siamo l’unica associazione di volontariato, alla Campagna Mondiale di vaccinazione per l’eradicazione del morbillo e della rosolia e la nostra ambizione è divenire leader mondiali, oltre che per la Vista, per quanto concerne la lotta alla fame, al diabete, al cancro pediatrico e per la tutela dell’ambiente.

Fresia ha partecipato a 198 Congressi a tutti i livelli, distrettuali, nazionali e internazionali tra cui diciotto Convention internazionali, l’ultima quest’anno a Chicago, congressi cui intervengono decine di migliaia di persone, se si pensa che, al mondo, i soci del Lions sono un milione e quattrocentomila. Nel 2019 Milano, per la prima volta nella storia dell’Associazione, ospiterà la Convention: l’appuntamento era stato fissato nel 2014.

Non posso pensare alla mia vita senza il Lions – ci dice Fresia, che, nel suo curriculum, ha elencato una serie di incarichi e di ruoli che supera il centinaio, compresa l’attività di arbitro di calcio a livello nazionale che, con una stella di bronzo del Coni, ha svolto con altrettanta passione e competenza degli altri suoi impegni:
chi è interessato può visitare il sito www.robertofresia.org

Il Lions svolge una grande attività umanitaria, in cui sono coinvolto pienamente, ed è presente in 211 paesi: mettessimo su un mappamondo una bandierina dove il Lions è intervenuto a favore dei più deboli e dei più disagiati con un Service, il mappamondo sarebbe coperto di bandierine Lions: un cammino di impegno sociale per me iniziato all’Oratorio della Parrocchia del Sacro Cuore, col parroco Don Vittorio Dietrich, dove ho ricoperto disparati incarichi di direzione e di organizzazione.

Dall’Oratorio alla presenza nelle più importanti organizzazioni internazionali come la FAO, in cui è ora il rappresentante dell’Associazione Lions: questo il cammino, nella discrezione e senza clamori, in una vita intensa ed impegnata, piena e dedita a rendere il mondo migliore, del savonese speciale che è Roberto Fresia!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: