Musica

Rocchetta di Cairo si tuffa nel medioevo

Un weekend all’insegna della storia per il piccolo comune valbormidese, con armi, cavalieri e danze tipiche del periodo storico più rievocato e raccontato di sempre. Tra i vicoli del comune, arredato come un vero e proprio accampamento, si sono vissuti due giorni di un’epoca lontana; presenti, infatti, tutte le attività: dai fabbri intenti a forgiare armi per i duelli e gli artigiani, ai falconieri, eredi della nobile arte della caccia con gli uccelli rapaci, il tutto allietato dalle musiche dei rapsòdi, eseguite con la lira, il flauto di pan e la ghironda.

Ma il pezzo forte è stato domenica: a metà pomeriggio ecco, infatti, partire il corteo che passa per tutte le strade fino ad arrivare alla piazza, con dame, nobili (grandi e piccini) e cavalieri con armature curate in ogni minimo dettaglio. Giunti nella piazzetta ecco il duca raccontarci la storia, quel 1387 dove Rocchetta si dovette difendere dalle invasioni nemiche e lanciare l’augurio che vinca il migliore. Spostandoci nella via parallela, uno scudiero ci invita a lasciare libero lo slargo della strada che, prontamente transennato, diventerà l’arena per i duelli ad armatura pesante: si sono fatti sfidati i cavalieri delle rispettive contrade, che a colpi di spade e scudo si sono fatti valere. Quand’ecco calare la sera e le numerose automobili in partenza ci riportano all’anno domini 2012, non ci resta che attendere il prossimo viaggio nel tempo.

Michele Alluigi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: