AttualitàCultura e MusicaL'arte dell' Eco

Rosanna La Spesa contempla le “alterità”

Rosanna La Spesa è stata protagonista, sabato scorso, 27 giugno,  di un evento espositivo presso la sede di Banca Generali, in Piazza Pancaldo, al secondo piano del “grattacielo”, interessante edificio razionalista degli anni 1930 che non teniamo nel dovuto riguardo. E’ stato il degno “contenitore” delle opere di Rosanna La Spesa, con il percorso dell'”alterita”, ovvero della non identità, della “oggettività” esterna, secondo la filosofia e per l’autrice, come si era espressa: “…una metafora su ciò che è altro da me, sia essere umano o mondo delle cose. Ciò che percepisco come altro per la difficoltà di lettura della realtà o perché mi crea disagio in mancanza di strumenti di comprensione.” L’equilibrio od il terreno instabile su cui convergono le due affascinanti definizioni è forse la dimensione , o l’ambito, del mondo raffigurato da Rosanna La Spesa “in mancanza di strumenti di comprensione” mentre l’autrice sembra conoscere benissimo ciò che si cela nelle pieghe della terra oppure essere al proprio agio nel dare di tale arcano una lettura personale. E così abbiamo potuto di nuovo ammirare, come l’anno scorso a Villa Barrili a Carcare, le sue straordinarie “inclusioni” nel vetro di lembi di metallo o di terra o di altri sedimenti che evocano fossili incastonati in un’acqua solidificata, in un fluido che irrora le vene riposte della terra e che Rosanna è capace di fissare  sottraendolo al suo scorrere, per recuperare la bellezza segreta ed inaspettata degli elementi e dei minerali! E ancora la conchiglia, depositaria di antichità, compare intrigante, tra i lavori di Rosanna e ricorda raffigurazioni di antichi trattati naturalistici…E non viene meno il richiamo alle problematiche contemporanee, all’acqua bene comune,  imprigionata dal filo di ferro di un reticolato , comunque divenuto oggetto artistico…Vetro, metallo, effetti d’ombra, dopo aver richiamato gli elementi, i fossili che riflettono l’età della Terra, il ferro e l’oro da sempre cercati,  giungono a suggerire, nella composizione riportata pure nella locandina dell’evento, l’ìmmagine di un paesaggio pietrificato,  un luogo della mente dove sono fissati una riva di ciottoli, un fiume di cristallo o di smeraldo, oltre il quale è visibile una landa deserta od un rilievo roccioso: un paesaggio del prima e del dopo… a ripercorrere il cammino di Rosanna La Spesa un artista che, per genialità, può ben essere un suo interprete acuto, ovvero Sandro Lorenzini, scenografo, scultore e caramista, che ha illustrato i punti salienti della poetica dell’autrice.

 

 

 

 

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: