Attualità

SABATELLI A SORPRESA

di Giorgio Siri

Presso “Signori Arte”, galleria gestita dal giovane Alessandro Signori, ad Albissola Marina, in Corso Bigliati 26, si è conclusa il 21 gennaio scorso, ma era ancora visibile sabato 28, una mostra dedicata ad Antonio Sabatelli che, dopo quella ufficiale dello scorso anno, al Priamar, ha costituito un compendio sorprendente ed anche necessario, per meglio delineare la personalità del celebre e fuori del comune artista albisolese. Emerge pur sempre il Sabatelli dai tratti significativi: artista con una straordinaria storia alle spalle, con esperienze direttamente collegate alle grandi scuole novecentesche, con l’influsso indelebile di uno Spazzapan o del gruppo Co.Br.A., ma nella intelligente ed accurata rassegna allestita dal giovane gallerista sono presenti lati inconsueti dell’artista che, tuttavia, dovevano essere assolutamente considerati, per tracciare, di lui, un profilo completo! Veniamo così a sapere che Sabatelli raffigurò la classica immagine della Madonna della Misericordia, con il Beato Botta inginocchiatole dinnanzi. Secondo la sua visuale, nella quale sembra che la figura si liquefi, si stemperi nel colore di cui è fatta, pur conservando un’espressività intensa e, semmai, ancora più diretta, in quanto è l’immagine stessa a trasformarsi in espressività pura! Comunque l’asociale e scettico Sabatelli, secondo quanto lo ritengono le testimonianze più prossime, coltivava, in tale modo artistico, e col suo particolare e personalissimo segno, l’immagine della Madonna della Misericordia e non è l’unico soggetto ad argomento religioso, poiché era presente anche una colorata e “kandinskiana” “Fuga in Egitto”, oltre ad una suggestiva “Madonna” di Pompei- degli ultimi giorni di Pompei!-. Anche i dipinti di transatlantici, con una certa vena “naif”, che evolve poi in un cromatismo prorompente (“Attenzione agli icebergs”), mettono in luce una particolarità di Sabatelli, che si rivela così il personaggio multiforme che in effetti era. La serie dei disegni evidenzia, invece,la più autentica inclinazione dell’autore: ironico, volutamente trasgressivo, cultore del bozzetto e dei tratti concisi ed efficaci. Ritorna il Sabatelli della prima maniera, del tempo dei ritratti, con quell’affinità con Kees van Dongen che già avevamo riscontrato, in talune figure femminili di cui una, del 1958, di intenso lirismo, con una nota tenera se non struggente, di unica cromia fra il giallo ed il verde, dal titolo: “Al tempo passato che fu”!

Con tale esposizione abbiamo, su Sabatelli, un ulteriore spunto di riflessione, che ci mostra sicuramente l’anarchico ma comunque, altrettanto, il poeta e ci si ripropone la domanda, intrigante, se egli fingesse, al suo modo da “scapigliato”, un personaggio di sé!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: