Cultura e Musica

Sabato 7 aprile Gianfranco Maris presenta"I miei giorni a Mauthausen"

Un libro… Un autore Sabato 7 aprile, ore 17Sala Gallesio, via Pertica, FinalmarinaGianfranco Maris Presidente dell’aned – Associazione Ex deportati politici presenta il suo libro“I miei giorni a  Mauthausen”per ogni Pidocchio cinque bastonate edito da Mondadori partecipa Maria Bolla Presidente Provinciale dell’ aned letture di Wilma Parenti conduce Pier Paolo Cervone. È in questi giorni in libreria il volume di Gianfranco Maris, presidente della“Fondazione della Memoria e della Deportazione” e dell’aned (Associazione Nazionale Ex Deportati), intitolato “Per ogni pidocchio cinque bastonate. I miei giorni a Mauthausen”(Mondadori Editore).

Noto avvocato penalista, Gianfranco Maris è stato senatore del PCI dal 1963 al 1972, e componente del Consiglio Superiore della Magistratura dal 1972 al 1976. In questo libro racconta le atrocità vissute nel campo di concentramento riservato a deportati politici, oppositori del regime nazista, operai che scioperavano contro il fascismo nei paesi occupanti.Gianfranco Maris, attivo nelle file del Partito comunista clandestino e poi della Resistenza milanese, ha poco più di vent’anni quando da Fossoli, dove la Repubblica sociale italiana ha realizzato un campo di prigionia e di transito destinato alla custodia degli ebrei e dei deportati politici, arriva in territorio austriaco insieme ad altri trecentoitaliani. È l’inizio di un viaggio tormentato e assurdo nell’inferno del lager, dal quale moltissimi non faranno più ritorno.Nel testo vengono elencate le ragioni e le modalità della deportazione dei civili italiani utilizzati come forza lavoro e le spaventose condizioni di vita nel lager nazista di Mauthausen: “Si moriva prima con la testa e poi col corpo […] bastava essere operai e avere braccia buone per il Reich. I non idonei finivano nelle camere a gas, o uccisi con un’iniezione di benzina al cuore […] . Nell’agosto del ‘44, quando sono arrivato, davano un chilo di pane al giorno da dividere per sei. Nel marzo del 1945 la stessa razione era divisa in 24. Ricordo la fame, il freddo, la dissenteria. La sera c’era il controllo dei pidocchi. Ti facevano spogliare e controllavano i vestiti: per ogni pidocchio, cinque bastonate. Una sera d’inverno mi trovarono cinque pidocchi. Presi venticinque bastonate, poi lasciarono i miei vestiti tutta la notte sul tetto pieno di neve e mi fecero dormire nudo. La mattina tornai alla cava di pietre indossando i vestiti inzuppati di neve e gelati. Mauthausen fu un vero campo di sterminio per i deportati politici, non conclamato come Auschiwtz per gli ebrei, e in ciò consiste una grande sottovalutazione storica. Fu il campo di repressione, di punizione, di morte della Gestapo. Vi finivano i politici, gli oppositori, gli operai che scioperavano contro il fascismo nei paesi occupanti. I comunisti. A Mauthausen sono arrivati i trentamila ebrei ma non per ragioni razziali, bensì perché comunisti politicamente attivi e impegnati nella lotta antinazista. Gli ebrei che vanno assassinati in quanto ebrei; cioè la maggioranza vengono mandati ad Auschiwtz. Ma gli ebrei che fanno attività antinazista devono essere eliminati a Mauthausen”.(A Mauthausen-Gusen – dove si registrò il 66% di vittime, il più alto dei campi di sterminio nazista: su novemila italiani ne ritornarono solo mille – furono gasati tutti coloro che erano nati prima del 1890).Il 5 maggio 1945, a liberazione avvenuta, Maris ha ventiquattro anni, pesa trentotto chili e ha già visto tutto l’orrore del mondo. Adesso di anni ne ha novantuno e ha deciso di fissare sulla pagina i ricordi della sua esperienza estrema e di aggiungere così un tassello importante all’ormai vasto eppure mai sufficiente mosaico di testimonianze che hanno tentato di raccontare l’orrore dello sterminio nazista.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: