Cultura e Musica

“Saio e Tute Blu” spettacolo storico per i cento anni della Parrocchia di San Francesco da Paola

Lo spettacolo, ideato per festeggiare i cento anni della parrocchia di San Francesco da Paola, è stato realizzato dopo un lungo lavoro di documentazione storica, sia sulla figura del Santo, che sulla storia della parrocchia e del quartiere di Villapiana, attraverso un attento lavoro di ricerca su libri, archivi, giornali dell’epoca e anche la raccolta delle testimonianze delle persone anziane del quartiere. La rappresentazione è un viaggio nel tempo, si parte dalla figura di S. Francesco da Paola e quella dei frati minimi seguaci del suo ordine e dell’antico convento savonese. Si passa dal ‘600 al ‘900, periodo in cui il nuovo piano regolatore decretò la costruzione delle case operaie. Il quartiere divenne popoloso e nel 1912 si costituì la nuova parrocchia restaurando la vecchia chiesa.

La rievocazione prosegue narrando il periodo dei due conflitti mondiali, del movimento futurista e di Farfa, lo sviluppo industriale del quartiere con la Scarpa &Magnano, Besio, Bourniquez ed altre fino all’inaugurazione della nuova chiesa nel 1951 tanto auspicata dal vecchio parroco Don Tommaso Fonticelli. Lo spettacolo si conclude con la proiezione delle vecchie foto fornite dalle persone del quartiere e con la lettura di alcune poesie di Badarello. Dichiara la regista Daniela Balestra” Lo spettacolo che verrà messo in scena sul sagrato della Chiesa di San Francesco da Paola in piazza Bologna, avrà le caratteristiche del teatro popolare e coinvolgerà, oltre agli attori del teatro Madness e dell’Officina teatrale delle Istituti Superiori di Savona, il laboratorio teatrale delle Scuole Medie Pertini e  una decina di comparse del quartiere di Villapiana. Una grande partecipazione popolare ha accompagnato la realizzazione di questo lavoro teatrale, dice la regista Daniela Balestra, e dirigere quasi settanta teatranti e poi  raccogliere le interviste, gli oggetti, gli abiti e le foto di quel periodo  non è stato facile, ma i miei collaboratori sono stati eccezionali, animati e sostenuti anche dall’entusiasmo crescente degli abitanti del quartiere. Era questo l’obiettivo che si voleva raggiungere, ritrovare la memoria di una parrocchia e di un quartiere che, negli anni, sono stati sempre molto legati, superando anche le varie divergenze politiche, rianimare  la piazza e le strade con le persone di allora: Don Fonticelli, Farfa, la Beppin-na, Amedeo e poi operai, fascisti, partigiani. Uno spaccato di vita vera.  Vorrei ringraziare anche il Comune, la Fondazione De Mari e tutti gli sponsor che ci hanno sostenuto, e soprattutto il Parroco Don Angelo Magnano che ha chiesto la nostra collaborazione per il Centenario della Parrocchia perché l’entusiasmo della gente ci ha compensato ampiamente della fatica nel superare le molte difficoltà.”

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: