Sport

Samantha, quando lo sport ti fa rinascere

Si è svolto, con partenza da Grado e arrivo a Lignano Sabbiadoro, la settima edizione dell’ Aquaticrunner 2020 Campionato Nazionale  Swimrun Csen, gara di nuoto e corsa sulla distanza di 30 km. Alla gara nazionale è emersa Samantha De Stefano, di Savona, che si è imposta fra le donne. Samantha ha fermato il cronometro dopo 3 ore dal via. Per dovere di cronaca il successo in campo maschile è andato a Daniel Hofer, che ha corso e nuotato in  2 ore e mezza.  La De Stefano, che distanziato una seconda concorrente ben 6 minuti, afferma: < questa gara ha rappresentato per me l’approdo a casa. Per casa intendo un luogo astratto dove mi sento bene,in pace ,felice di esserci e di potermi esprimere in libertà>. Continua la De Stefano: <ho passato anni difficili e faticosi segnati da malattia, un brutto tumore al pancreas, ho subito moltissimi interventi e due di chirurgia particolarmente delicati con asporto di organi. Ho vissuto il calvario di cure devastanti con  chemio e radioterapia, come essere stata in alto mare in balia di tempeste e maree. Ho utilizzato ogni strumento e risorsa a disposizione per restare a galla. L’amore per la vita nella sua bellezza semplice,la passione per il movimento all’aria aperta e soprattutto mia figlia Ariel, mi hanno tenuto viva. Lo sport è poi stato il giusto binario per me. Per riprendere la strada, rimettermi in cammino. Non è stato facile,ho dovuto ricominciare da zero con un fisico molto delicato e stanco e una mente piena di paure. Ho imparato a dare ascolto al corpo,avere rispetto per i suoi segnali e mi sono presa cura di me con tanta pazienza. Mi sono adattata a nuovi tempi,ritmi e modi. Questa gara è apparsa come un una luce. ha risvegliato un certo desiderio di gloria  e rinascere. Volontà consapevolezza. Piccoli passi verso un obiettivo scelto: costanza impegno, sacrificio dedizione, ed il risultato è arrivato”. Conclude la Samantha De Stefano: <sono  soddisfatta e soprattutto sto bene perché ho gestito la gara con equilibrio,misura ,senza mai forzare né creare sofferenza. Ho centrato in pieno il mio obiettivo : vincere senza soffrire e con piacere. Quindi, viva la voglia di farcela sempre,comunque,a prescindere. Dedico questo successo a mia figlia Ariel. A lei dedico tutto di me, anche questa vittoria  che è “anche” sportiva ma non solo>.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: