AttualitàCultura e Musica

San Lorenzo, notte di fede e di incanto

San Lorenzo, oggi la giornata emblematica dell’estate al massimo del suo splendore, per poi declinare piano piano e le notti prossime attenderemo, invano, come quasi sempre, che l’orbita del nostro pianeta incontri lo sciame delle Perseidi, il residuo meteorico della cometa Swift-Tuttle,  per farci contemplare il “pianto di stelle”, che tanto affascina e, talvolta, commuove; quest’anno, emergenza Covid incombendo, non ha avuto luogo, a Celle Ligure, da dove lo scrivente scrive, la tradizionale processione, che si tiene il giovedì prima della ricorrenza, o nel giorno stesso se cade appunto il giovedì, che sale ai Ferrari dalla Chiesa Parrocchiale per riportare, alla sua Cappella, la “cassa” di San Lorenzo, bella opera dei primi del novecento, restaurata accuratamente qualche anno fa’.  Numerose sono state le manifestazione dell’estate cellese, con le dovute precauzioni di mascherine  e disinfettanti, comunque ci sono stati  e continuano a tenersi eventi per i quali la gente accorre e si riunisce; sotto lo stesso aspetto si poteva  celebrare la Processione in onore di San Lorenzo, comunque nessunissima critica agli organizzatori nè alle confraternite;  sarà per il prossimo anno ed ancora di più ne gioiremo sperando che ò’emergenza Covid sia allora un ricordo!

Già gli anni scorsi avevamo pubblicato la celebre poesia di Giovanni Pascoli (1855-1912): “X Agosto”, un componimento intenso e commovente che il grande poeta di San Mauro di Romagna dedicò, quale riflessione personale e biografica, alla morte del padre Ruggero, assassinato nel 1867; anche in altri brani, tra i quali il più noto è “La cavalla storna” Pascoli rievocò l’evento che tanto pesò sulla sua famiglia.

“X Agosto” venne pubblicata per la prima volta, il 10 agosto 1896, sulla rivista letteraria “Il Marzocco” e, successivamente, venne inserita nella sezione “Elegie” della quarta edizione di “Myricae, la raccolta più nota di Pascoli.

Vogliamo riproporre ancora la poesia pascoliana, ponendo all’attenzione l’intensità e la densità dell’espressione poetica e delle singole parole nel contesto, che sembrano anticipare la poesia moderna:

X agosto
San Lorenzo, io lo so perché tanto
di stelle per l’aria tranquilla
arde e cade, perché sì gran pianto
nel concavo cielo sfavilla.
5 Ritornava una rondine al tetto:
l’uccisero: cadde tra spini:
ella aveva nel becco un insetto:
la cena de’ suoi rondinini.
Ora è là, come in croce, che tende
10 quel verme a quel cielo lontano;
e il suo nido è nell’ombra, che attende,
che pigola sempre più piano.
Anche un uomo tornava al suo nido:
l’uccisero: disse: Perdono;
15 e restò negli aperti occhi un grido:
portava due bambole in dono…
Ora là, nella casa romita,
lo aspettano, aspettano in vano:
egli immobile, attonito, addita
20 le bambole al cielo lontano.
E tu, Cielo, dall’alto dei mondi
sereni, infinito, immortale,
oh! d’un pianto di stelle lo inondi
quest’atomo opaco del Male!

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: