Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Sanremo, terza serata

Fra applausi e polemiche

Sanremo prosegue, con un successo indiscutibile; più di undici milioni di spettatori, la seconda serata, quando la classifica della giuria della sala stampa ha messo al primo posto e pure nella classifica generale, Elisa, ritornata sul podio dell’Ariston dopo ventun anni. Mahmood e Blanco rimangono secondi. Iva Zanicchi è sempre di grande presenza scenica, più che giovanile, voce stupenda, a ottantadue anni, ma è lontano l’anno di “Zingara”, che era il 1969. Laura Pausini galvanizza e qualcuno la prevede come prossima conduttrice del Festival, anche se lei smentisce. Checco Zalone è stato il comico di scena della puntata; io ho già scritto e riscritto che ritengo Fiorello, pur bravissimo, un po’ invadente ma l’ho rimpianto convintamente, dopo la serata Zalone, come l’ho rimpianto in questa terza serata, alle ore 1,30 ormai del giorno 4 febbraio, dopo Drusilla Foer alias Gianluca Gori, pur bravo!

Mahmood e Blanco, da buoni favoriti, come s’è letto, sono ritornati al primo posto, al televoto, cui si  è passati alla terza puntata, dopo che tutte le canzoni sono state riproposte: di seguito la classifica generale in dettaglio: 25° posto per Tananai . 24° per Ana Mena (era 25esima). 23° Yuman (era 23esimo). 22° Le Vibrazioni (erano 22esimi). 21° Giusy Ferreri (era 19esima). 20° Highsnob e Hu (erano 18esimi). 19° Giovanni Truppi (era 11esimo). 18° Iva Zanicchi (era 20esima). 17° Matteo Romano (era 17esimo). 16° Rkomi (era 15esimo). 15° Noemi (era 15esima). 14° Achille Lauro (era 16esimo). 13° Aka7even (era 21esimo). 12° Ditonellapiaga e Rettore (erano settime). 11° Michele Bravi (era 14esimo). 10° Dargen D’Amico (era quarto). 9° La Rappresentante di Lista (erano terzi). 8° Fabrizio Moro (era decimo). 7° Massimo Ranieri (era ottavo). 6° Emma Marrone (era sesta). 5° Sangiovanni (era 13esimo). 4° Irama (era nono). 3° Gianni Morandi (era quinto). 2° Elisa . 1° Mahmood e Blanco.

La terza puntato ha avuto, tra gli ospiti, Roberto Saviano che ha ricordato, con la consueta, sentita passione, con l’impegno in prima persona,  Giovanni Falcone e Paolo Borsellino, in questo anno in cui ricorre il trentesimo del loro assassinio.

Continuano le comparse di Orietta Berti, insieme con Fabio Rovazzi, su “Costa Toscana” nave riconvertita in studio televisivo da Costa Criciere con i suoi mirabolanti “look”, ieri sera da cipria, ma la sera precedente , tra gli altri, da “Covid”, come ha attestato anche il professor Bassetti!  L’inossidabile Orietta, portata al successo definitivo dalla mitica trasmissione degli anni 1966-1970, “Settevoci” – che lanciò anche Pippo Baudo che la presentava – , così si è espressa, con la sua verve emiliana, sul Festival 2022: “Quest’anno più che il Festival di Sanremo è un disco per l’estate perché tutti hanno portato le canzoni con i ritornelli, che sono molto orecchiabili. Prima di tutto tifo per Amadeus e poi per Achille, che è un mio carissimo amico ancor prima che facessimo insieme Millè. E poi per Iva, per Gianni, per Ranieri perché sono della mia età e abbiamo fatto tante cose insieme ed è logico e giusto che loro portino qui la loro melodia. Senz’altro la vittoria sarà tra Mahmood e Blanco ed Elisa, ma io le canzoni non le ho sentite»

Ad avvelenare, o movimentare,  un po’ l’atmosfera, il caso Lauro, con il suo Battesimo a se stesso; anche sulle nostre pagine sono state pubblicate prese di posizione di rammarico e contrarietà; l’Arcivescovo di Ventimiglia- Sanremo, Monsignor Suetta ed il  Cardinale Gianfranco Ravasi, Presidente del Pontificio Consiglio della Cultura, hanno espresso, direttamente od indirettamente, un fermo dissenso e non ha tutti i torti Mario Adinolfi, leader del “Popolo della Famiglia” ad affermare: “Lui ha capito che il gioco funziona, da anni fa performance oltraggiose nei confronti della Chiesa Cattolica sapendo che reagiranno e lui ne trarrà un lucro. Un gioco studiato, anche ormai un pò stanco e senza voce, vista la performance di ieri sera. È semplicemente irritante, ripetuto, già visto, deteriore. Qui la cosa veramente grave è che se Achille Lauro avesse proposto uno schema del genere vestito col turbante per ricordare il profeta Maometto, o portando la kippah ebraica, i dirigenti della Rai lo avrebbero immediatamente fermato” Il gesto di Lauro, pur provocatorio e “dissacrante”,  – ma il “dissacrante” oggi e da anni, a senso unico, ovvero rivolto esclusivamente verso determinati simboli, non solo nei riguardi del Cristianesimo, è diventato un po’ conformista e “borghese” esso stesso! –  non mi sembra così offensivo e l’Osservatore Romano, si è espresso in merito con ironia e senza dargli molto peso! Il Sacramento del Battesimo non è stato propriamente irriso, anzi, la mia prima impressione – anch’io credente e cattolico –  è stata  che Lauro abbia voluto inserire il gesto in un contesto “fuori dal contesto” ma con l’allusione di crederci!   In conferenza stampa Amadeus, lui pure al centro delle critiche, ha dichiarato: “Ho rispetto del  parere del vescovo – Monsignor Suetta, n.d.r. –  ma io, molto credente, non mi sono sentito turbato dall’esibizione di Achille Lauro. Non credo che abbia voluto mancare di rispetto. Un artista deve apotersi esprimere liberamente, se no  i giovani si allontanano, non solo da Sanremo ma anche dalla Chiesa.”,  Anche il direttore di Rai Uno, Stefano Coletta ha attestato che: «Non c’è mai la volontà di veicolare trasgressioni», ma l’attenzione è volta «a proporre un prodotto artisticamente valido»!

 

Immagine: foto da Rai.it

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: