Attualità

Sansa, sconfitto “felice” e non diplomatico

Di seguito la dichiarazione diffusa dal candidato Presidente della Regione del Cartello Pd-Articolo Uno, Movimento Cinque Stelle, Linea Condivisa, Europa Verde, Lista Ferruccio Sansa:

Il presidente Toti dice che siamo stati sgradevoli. Che si metta il cuore in pace: non saremo gradevoli neanche come opposizione. Il compito dell’opposizione è questo. Come candidato non ha avuto il coraggio di risponderci, ora in Consiglio dovrà farlo. Rispettiamo Toti e i nostri avversari politici. Rispettiamo il loro ruolo istituzionale. Ma da loro ci divide una visione diversa della sanità, dell’ambiente, del lavoro, della cura degli anziani e del ruolo dei giovani nella nostra terra. Soprattutto della lotta alle diseguaglianze e della tutela degli ultimi. Ci divide una visione opposta della politica e del potere. E in fondo della nostra Liguria.

Questo testimonieremo con la nostra opposizione che parte da oggi. Passo per passo. Paese per paese. Perché per costruire una nuova proposta politica servono tempo e umiltà. Tenacia e passione. Con la nostra battaglia abbiamo perso le elezioni ma conquistato rispetto e fiducia. Questo è perfino più importante che governare una regione”.

Ferruccio Sansa ha incassato una sconfitta evidente e senza equivoci, pur non disastrosa, non ha insidiato Toti con il “testa a testa” cui si assiste, talvolta, in altre competizioni elettorali locali. Nonostante ciò non fa’ il diplomatico, come altre volte i candidati sconfitti si atteggiano, promettendo “opposizioni costruttive” che esistono solo in teoria per poi invece essere contrari a tutto; forse è meglio la linea di Sansa, che promette battaglia e sgradevolezza, intanto è la verita’? Non ci pronunciamo, ma la misura dell’insuccesso dovrebbe, nel caso, dettare le regole; chi ha perso per un soffio di voti è giusto alzi la voce e ricordi, al vincitore, che non lo è così tanto; chi è sconfitto senza appello, come Sansa, dovrebbe riflettere di più  e pensare  alle regioni della sconfitta; Sansa è stato considerato un candidato imposto dal Movimento Cinque Stelle, non molto “catturante” verso l’elettorato e, nonostante il sostegno avuto da tradizionali “cittadelle” della sinistra, sembra non abbia svolto una funzione di “lievito” per il PD, in altre realtà ritornato protagonista. In tale ottica è significativa la frase di Massardo, candidato di un “centro” che sembra non essere più attraente per tanto elettorato, a suo tempo in lizza come candidato Presidente alposto di Sansa: “Certamente non è stato bello rimanere per tanto tempo nel limbo. Alla fine hanno scelto per una sconfitta felice, come detto dal loro stesso candidato per la presidenza, fermo restando che anche con il sottoscritto in corsa con tutte le forze del centrosinistra non si sarebbe vinto, magari. Anche se credo che la partita poteva essere differente.

La sconfitta felice è un po’ come la famosa “decrescita”  che  sarebbe stata altrettanto felice! E’ sempre meglio chiedersi le ragioni della sconfitta anzichè proclamarla come successo!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: