Attualità

SANTA LUCIA, MAGIA DELL’ATTESA

chiesa santa lucia savona

di Giorgio Siri

Santa Lucia, la savonesissima Santa Lucia ,con San Nicolò ad Albisola, che la precede di una settimana, con la fiera varazzina dell’Immacolata, meno nota ma non meno sentita, si può dire rivestano un po’ il ruolo dei “mercatini” di Natale del Trentino Alto Adige o d’Oltralpe. Santa Lucia, in particolare, sempre attesa, da grandi e piccini, costituisce un “sempreverde” mai scalfito, durante la quale ci avvolge, in una magia immutata, il clima di attesa del Natale imminente. Non si venga a dire che negli anni è cambiata, che la presenza di ambulanti cinesi conferisce un’atmosfera diversa, seppure può essere vero anche questo; ma i tempi sono quelli ed anche gli ambulanti cinesi contribuiscono a mantenere la pittoresca animazione e la suggestione di questo giorno di fiera d’altro tempo, di bancarelle, di racconti dei nostri genitori e dei nostri nonni, e per chi ha passato da un pezzo i cinquant’anni, come lo scrivente, ci riferiamo ad anni ormai veramente trascorsi. Comunque ci sono ancora venditori di torrone e dolciumi affini di lungo corso, come una signora che, con la figlia, si incontra a San Nicolò e, la settimana dopo, a Santa Lucia, presente alle ricorrenze da oltre cinque decenni. La signora ci racconta storie di tempi passati, quando, dal basso Piemonte, giungeva in Riviera col marito, appunto per l’occasione delle tre fiere vicine, e ci si fermava per il periodo relativo, soggiornando in albergo!

Torrone, croccanti, cui negli anni si sono aggiunti cioccolati nocciolati, torroni ai vari gusti, meglio se morbidi, cremini, brigidini di Lamporecchio, costituiscono l’appuntamento fisso di acquisto o di degustazione!

Intanto si avanza a fatica, attraverso via Paleocapa, sempre affollatissima; anche nella nostra epoca, in cui c’è tutto e sempre, si è sempre curiosi di andare a scoprire cosa porterà Santa Lucia.

Mentre gli ultimi imbonitori – i ciarlatani d’altro tempo – proclamano le qualità delle merci che offrono, si può pensare se manca dal presepe qualche pastore, o se c’è da sostituire qualche figura o se non si hanno a disposizione i “Re Magi” per la ricorrenza dell’Epifania, che chiuderà le feste; poi,magari dedicando la serata alla farinata o alle “fette”, ci si augurerà “alla prossima Santa Lucia”!

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: