Attualità

SAVONA amore mio.

Come è strana la vita…
Sono ferma proprio al primo semaforo, arrivando a Savona dalla Valbormida, mentre il telefono si illumina e ricevo la notizia. La società calcistica Savona fbc non ce l’ha fatta. È il momento della resa. Dopo una stagione estremamente difficile, partita con grande speranza e slancio, e tutti gli intoppi incontrati a metà anno (con il Covid solo come ciliegina sulla torta) una società storica e che tiene in piedi l’onore della provincia (la mia) è costretta a fermarsi.
Una settimana fa, proprio in mezzo alle vie di questa città , che amo tanto, mi inventavo la nuova rubrica “le cose belle”.
E lo so che questa non è una cosa bella.
E la scrivo quasi come se nemmeno fosse una notizia, ma una confidenza, a cuore spalancato, come è giusto che sia, per rendere a coloro i quali ci hanno provato, hanno stretto i denti fino alla fine, si sono inventati e re inventati, un po’ di quell’amore che io, personalmente, ho respirato, a contatto di questa società, semplicemente come “mamma di” che giocava nel Savona.
È facile cadere nelle polemiche e nei rimproveri quando accadono queste cose, in tempi come questi, poi, accanirsi, è diventato qualcosa di liberatorio, ma voglio tenere alta la bandiera per cui amo scrivere e descrivere le angolazioni del mondo con un piglio d’amore.
Se sia stato fatto tutto il possibile non si sa, certo è triste sapere che una provincia, bella come la nostra, dopo anni di storia, grandi campioni e svilippi avvincenti nel passato, perda la sua identità, così, nel vento.
Ho ammirato, sugli spalti, certe domeniche a guardare la prima squadra, lo “zoccolo duro” della tifoseria, ultras che ancora si sgolavano per il vecchio cuore bianco blu, ho respirato l’aria degli spogliatoi nelle leve giovanili, i cambi di campo da calcio per gli allenamenti. Ho sperato. E ho perso, insieme a chi, oggi, oltre le polemiche, piange la “scomparsa” (mi auguro momentanea) di una società che avrebbe potuto certamente ricevere più attenzioni localmente.
Nella fervida fantasia dell’artista che incarno, mille volte ho sognato, come in quel film di Celentano, che alla fine, dai palazzi, ognuno buttasse le 10.000 lire, per realizzare il sogno. Ma, si sa, la fantasia quasi mai si abbina alla parola ricchezza e così ho spento anche quell’ altro sogno, quello in cui, per ironia della sorte, proprio oggi, un’ora prima, ricevo la comunicazione che il mio provino è andato avanti, ed io che mi vedevo già “più in là” a organizzare serate “per il Savona”. L’avrei fatto.
A me resta la possibilità.
E comunque la fiamma di quel sogno, no, non la spengo, è soltanto, momentaneamente, affievolita.
Ti aspetto presto, Savona, amore mio, io sul palco, tu sul campo. ❤️

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: