Attualità

Savona, come l’Italia, “nel pallone”

L’intrattenimento e lo spettacolo in Italia continuano ad essere, per buona parte, “calcio”. Secondo gli ultimi numeri resi noti dalla SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori) ed elaborati da InfoData, nel 2017 il volume d’affari complessivo dello sport più amato ha sfiorato i 2,4 miliardi di euro, più del triplo del cinema (735 milioni) e del ballo (732 milioni), che occupano la seconda e terza posizione. Seguono le fiere (432 milioni), i concerti di musica leggera (380 milioni) e i parchi di divertimento che si fermano a quota 376 milioni; proseguono la graduatoria i concerti (332 milioni), gli sport di squadra escluso il calcio (296 milioni), il teatro (227 milioni), gli sport individuali (207 milioni), le mostre (159 milioni), la musica lirica (110 milioni).

A livello territoriale, gli spettacoli a carattere sportivo si concentrano soprattutto nel nord-ovest, e in particolare fra Lombardia e Piemonte. In Liguria la spesa pro capite per lo sport si attesta a 71,6 euro/anno per abitante, molto di più di quanto speso per concerti di musica leggera e da ballo (20,3 euro), cinema (13,1 euro) e teatro (8,3 euro per abitante). L’attività concertistica ammonta a 4,9 euro pro capite e le esposizioni e mostre toccano il 3,4 euro.

I numeri forniti dalla Siae consentono di tracciare un quadro della situazione a livello provinciale, almeno per quanto riguarda la spesa complessiva pro capite per intrattenimento e spettacolo.  La provincia di Genova, con il duplice polo calcistico di Genoa e Sampdoria, è in testa con 171 euro, seguita da Savona con 78 euro, Imperia con 66 e La Spezia al quarto posto con 65 euro annui per abitante. In realtà cifre di impporto non eclatante se raffrontate con quelle riscontrate a Rimini, capitale del divertimento, prima assoluta in Italia, dove si spendono 392 euro pro capite (con il determinante apporto dei turisti), seguita da Verona (386 euro) con due squadre in Serie A nel 2017 ma pure con l’Arena, Milano (382 euro) e Firenze (286). Al Sud l’effetto calcio si fa sentire a Crotone (247 euro pro capite), mentre al Nord il fattore Juve e Toro non entusiasma più di tanto i torinesi (211 euro).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: