Home > Attualità > Savona in altalena occupazionale

Gli osservatorii in crisi di identità

Savona in altalena occupazionale

Gli osservatorii in crisi di identità

Tra i numeri che gli osservatorii, stavolta l’istat, danno, in tutti i sensi, riferiamo questi ultimi: tremila posti di lavoro in più nelle attività manifatturiere e tremila in meno nei servizi. A certificare il confronto occupazionale tra il 2017 e ilo 2018 in provincia di Savona è l’Istat, che comunque conferma un dato consolidato: nello scorso anno il numero dei savonesi al lavoro è diminuito di mille unità, da 110 a 109 mila, mentre il distacco dal livello pre-crisi (113 mila nel 2008) si è ampliato, superando i 4 mila posti.

I mille posti persi in un anno sono da attribuire al lavoro dipendente (sceso da 72 a 71 mila addetti) mentre i lavoratori indipendenti (imprenditori e autonomi) sono rimasti stazionari a quota 38 mila. A perdere terreno sono stati alcuni settori rilevanti dei servizi: commercio, alloggio e ristorazione hanno lasciato sul terreno 3 mila posti di lavoro nel raffronto tra il 2017 e il 2018, (da 33 a 30 mila) mentre gli altri servizi -da quelli per le imprese agli immobiliari, dai trasporti agli studi professionali, dalle attività artistiche e sportive ai servizi alla persona – sono rimasti stabili con 52 mila addetti.

A recuperare terreno, limitando le perdite che hanno coinvolto anche l’agricoltura, scesa da 4 mila a 3 mila addetti, sono state le attività industriali, passate da 22 mila a 25 mila addetti. Tenuto conto che le costruzioni sono rimaste sugli stessi livelli di occupati (9 mila), l’incremento è stato registrato dall’industria in senso stretto, ovvero dalle attività manifatturiere, passate in un anno da 13 mila a 16 mila addetti.

Quanto ai posti di lavoro perduti, sono andati ad ingrossare le fila dei disoccupati, che sono passati da 8 a 9 mila, facendo salire il tasso dei senza lavoro dal 6,7 al 7,8%; nel loro complesso le forze di lavoro (occupati + disoccupati) sono rimaste ferme a quota 118 mila, mentre gli inattivi sono scesi da 53 mila a 52 mila. Sommati alle forze di lavoro, comprendono l’intera popolazione tra i 15 ed i 64 anni che, con 161 mila unità nel 2018, è in calo rispetto all’anno precedente (163 mila), rispecchiando la diminuzione che è avvenuta tra la popolazione della provincia nel suo insieme, scesa da 279 mila a 277 mila unità.

A commento riproponiamo il pezzo di appena cinque giorni fa’, del 15 maggio, sempre a firma Giorgio Siri, in cui, riportando pure dati esposti il 25 aprile, si dice tutto ed il contrario di tutto, per quanto riguarda il savonese; tra l’altro risultava, in tale giorno che gli addetti del settore agricolo sarebbero 1700, mentre nei dati appena pubblicati sono saliti, diminuendo comunque rispetto ad anni precedenti, a 3000! Inoltre di diceva, sempre secondo le cifre pubblicate il giorno 15, che le imprese di costruzioni sono diminuite dell’1,8%, mentre in altre proiezioni a cura della Camera di Commercio di Milano, e di cui abbiamo relazionato appena il 17 maggio scorso, sarebbero aumentate di 144 unità! Sembra che veramente, più che esporre dati, si diano numeri e non si riesce a capire come e perchè vengano riferiti e se ci si accorga quanto sono stridenti! Come è possibile, in base a simili risultati, per coloro a cui compete, esprimere analisi serie? Chi sa o chi capisce meglio, risponda! Di seguito il nostro articolo del 15 maggio.

Occupazione in forte ripresa nelle aziende savonesi: tra fine marzo 2018 e la stessa data del 2019 il numero degli addetti delle imprese è cresciuto da 82.234 a 84.581 unità, con un saldo positivo di 2.347 lavoratori, pari al 2,9%.  L’elaborazione, su dati del registro delle imprese al primo trimestre 2019, è dell’Ufficio Studi di Savona della Camera di Commercio Riviere di Liguria e, va precisato, riguarda i soli addetti – dipendenti o indipendenti – del sistema delle imprese e non prende in considerazione gli addetti del settore pubblico.

L’incremento dell’occupazione savonese è superiore a quella registrata a livello regionale, dove gli addetti sono aumentati da 460 a 469 mila unità (+1,9%), sintesi di trend diversi a livello provinciale, con La Spezia a +3,6%, Imperia a +2,2% e Genova a +1,2%.  In un anno l’incidenza degli occupati genovesi sul totale ligure è scesa dal 57,0 al 55,9%, mentre quella delle altre tre province è salita dal 43,0 al 44,1%. Anche le imprese attive genovesi (71 mila) rappresentano la maggioranza assoluta tra quelle liguri, con il 53%, seguite da quelle savonesi (26 mila, 19%), imperiesi (22 mila, 15%) e spezzine (17 mila, 13%).

Mentre sale l’occupazione, continua a scendere, in provincia di Savona, il numero delle aziende. Nel corso del primo trimestre 2019, il saldo tra nuove iscrizioni e cancellazioni dal registro delle imprese è stato negativo per 197 imprese, determinando una flessione dell’1,1% rispetto all’anno precedente. Nel dettaglio le aziende agricole sono calate del 2,8% a quota 3.056; le manifatturiere (1.663) sono diminuite del 2,0%; le imprese di costruzioni (5.295) hanno perso l’1,8%; le ditte commerciali (6.068) sono scese del 2,1%) mentre sono rimaste praticamente invariate (553) le aziende di trasporto e magazzinaggio. L’unico comparto rilevante a chiudere in positivo il raffronto tra fine marzo 2018 e fine marzo 2019 è stato quello dei servizi turistici (alloggio e ristorazione) che con 3.558 imprese ha registrato un incremento dello 0,5%.

Appena pochi giorni fa, il 25 aprile, dalle nostre stesse pagine, sempre traendo dagli osservatorii, pubblicavamo quano segue:

i lavoratori savonesi a fine 2018 erano 108.655, ovvero 1.329 in meno rispetto a fine 2017, con una diminuzione dell’1,2%; in particolare i lavoratori dipendenti sono diminuiti di 1.204 unità (-1,7%) e quelli indipendenti (autonomi) sono calati di 125 unità (-0,3%). Il 65% degli occupati è alle dipendenze, il 35% è un lavoratore autonomo, ed a lavorare sono più i maschi (59%) rispetto alle femmine (41%).

I tre quarti (82 mila, 75,7%) dei savonesi è occupato nei servizi, percentuale molto elevata ma più bassa rispetto alle altre tre province liguri. Viceversa, i lavoratori dell’industria (25 mila tra industria manifatturiera, artigianato di produzione, edilizia) rappresentano il 22,7% del totale e si tratta della percentuale più alta a livello regionale; c’è da aggiungere che 16 mila sono impiegati nell’industria in senso stretto (manifatturiero) e 9 mila nelle costruzioni. L’agricoltura, infine, occupa circa 1.700 addetti. Il tasso di disoccupazione è in crescita al 7,8% ma resta il più basso della Liguria, mentre i giovani senza lavoro raggiungono il 30,4%.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *