Please assign a menu to the primary menu location under menu

ATTUALITÀSAVONASPORT

Savona, intitolato il Palatrincee a Lelio Speranza

Oltre 200 atleti di diverse discipline sportive (calcio, hockey, tiro a volo, tiro con arco, pattinaggio artistico, pattinaggio corsa, karate, lotta, pugilato, danza e ginnastica) hanno fatto da cornice all’intitolazione del Palasport a Lelio Speranza, ex partigiano e presidente del Coni provinciale di Savona dal 1977 al 2012; Lelio Speranza è stato una figura più che importante per la città di Savona soprattutto per il suo contributo alla lotta di Liberazione e per lo sport di tutta la provincia.

“Questo è un giorno molto importante per la città di Savona”, dichiara l’assessore allo sport Francesco Rossello, “perchè Lelio era un simbolo dello sport ed un grande savonese ricordando che fu uno dei primi che entrò a Savona, liberandola, nel 1945 e dedicò la sua vita allo sport ed alla collettività nella FIVL (Federazione Italiana Volontari della Libertà) e nel Coni. Questo grande uomo ha promosso i cosiddetti sport minori ed è merito suo se a Savona tutti gli sport sono rappresentati; il legame tra passato e presente è fondamentale per i giovani e Lelio Speranza può essere considerato un esempio per i ragazzi visto che aveva spirito di servizio, si metteva a disposizione della collettività e promuoveva la fratellanza. I valori promossi da Speranza sono importanti per tutti e devono essere tramandati”.

Parole simili da parte di Marco Russo, sindaco della città di Savona :”E’bello intitolare qualcosa a persone che hanno fatto la storia di Savona e ne fanno vedere il futuro; Lelio Speranza è una figura dai molti volti visto il suo passato da partigiano e grazie a soggetti come lui, che fanno parte della nostra comunità, la Resistenza viene umanizzata. Questo grande uomo ha fondato la FIVL che consolida i valori dell’antifascismo ma è stato anche molto importante per lo sport poichè ne ha testimoniato le basi senza dimenticare la solidarietà; grazie a lui i cosiddetti sport minori non sono mai stati trascurati e mi sento in dovere di ringraziare la famiglia dicendo che è fondamentale ricordare la nostra storia. Intitolare vie, piazze ed edifici è importante perchè fissa figure di riferimento e Lelio Speranza lo è; lo sport ha in sè l’educazione civica e la promozione delle persone nella società civile. Lo sport che praticava questo grande uomo ha educato tanti savonesi ed è un importante punto di riferimento per tutti”.

“Questo è un evento importante perchè si ricorda una figura che ha liberato Savona dal fascismo ed ha dedicato la sua vita allo sport”, sottolinea il delegato provinciale del Coni Savona Roberto Pizzorno, “ed ha fatto suoi importanti valori come l’amicizia, la solidarietà e la fratellanza. Il Coni è stato per lui una seconda famiglia che ha guidato dal 1977 al 2012 e per me Lelio Speranza è stato come un secondo padre; ringrazio l’amministrazione comunale di Savona che ha portato avanti questo progetto”.

“Ringrazio il sindaco Russo e tutta l’amministrazione”, afferma Antonio Micillo, presidente del Coni Liguria, “dicendo che quella di Speranza è una figura importante. Rivolgo agli intervenuti un sincero grazie ricordando che Lelio sarebbe stato contento di vedere qui tanti giovani perchè erano importanti per lui; è necessario ricordare chi traccia una strada e proprio questo grande uomo ha dato un’importante linea allo sport ed a tutta la città. E’doveroso ricordarlo visto che si è impegnato molto nello sport per i giovani”.

“Per noi questo momento è importante e rivolgo, a nome della mia famiglia, un sincero grazie”, evidenzia Carlo Speranza, figlio di Lelio, “perchè sono contento del fatto che la comunità riconosca a mio padre i suoi meriti. Sentiva che i tempi sono cambiati e voleva creare una comunità che seguisse i suoi principi; lo sport insegna la disciplina, il rispetto degli avversari, delle regole e dove c’è sport c’è pace. A mio padre piaceva molto vedere i ragazzi che praticano quelli che vengono chiamati sport minori poichè diceva che queste attività dovevano essere aiutate maggiormente rispetto alle altre; oggi viene riconosciuto tutto cosa ha fatto per Savona e ne sono contento. Figure di questo genere devono essere un esempio per i giovani e dove c’è sport non c’è guerra”.

“E’importante ricordare figure come quella di Lelio Speranza che ho conosciuto a Loano tra gli anni ’70 e ’80; ritengo l’intitolazione di oggi un atto dovuto ed un motivo per proseguire la strada iniziata dalla regione per concretizzare la candidatura della Liguria come Regione Europea dello Sport 2025 che avrà il sottotitolo sport e salute. E’importante investire nella promozione sportiva e tutti devono praticare attività fisica che crea benessere e riduce il consumo di farmaci; è fondamentale avere una sorta di continuità tra Genova Capitale Europea dello Sport 2024 e Liguria Regione Europea dello Sport 2025 anche se gli obiettivi sono diversi. La mozione per candidare la Liguria a questo titolo nel 2025 è partita da me e l’iter sta andando avanti; è fondamentale diffondere la cultura sportiva in tutta la regione senza dimenticare il potenziamento delle associazioni sportive dilettantistiche e la volontà di portare sempre più persone a fare sport”, conclude il consigliere regionale Brunello Brunetto.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: