giovedì, Gennaio 23, 2020
Home > Attualità > Savona, intitolato il ponte di Via Sormano agli esuli giuliano-dalmati

Savona, intitolato il ponte di Via Sormano agli esuli giuliano-dalmati

Si è tenuta, alla presenza dell’assessore Pietro Santi in rappresentanza dell’amministrazione comunale savonese, delle associazioni cittadine, dei rappresentanti delle forze dell’ordine e di numerosi cittadini, l’intitolazione del ponte di Via Sormano agli esuli giuliano-dalmati.

“Savona ha un ponte dedicato agli esuli giuliano-dalmati ed il comune si è attivato per accelerare l’iter”, ha dichiarato il presidente del comitato provinciale dell’associazione Venezia Giulia e Dalmazia Lazzari, “e voglio ringraziare le associazioni ANED, ARCI, Caritas, ISREC e Migrantes presenti, le autorità ed i rappresentanti delle forze dell’ordine”.

Parole simili da parte dell’assessore Pietro Santi in rappresentanza del sindaco Caprioglio e dell’amministrazione :”Ringrazio tutti e voglio dire che oggi siamo qui per ricordare gli esuli che alla fine della guerra, quando si pensava che il peggio fosse finito, conobbero le atrocità del regime iugoslavo di Tito. Chi si opponeva veniva ucciso e fatto sparire nelle foibe  e per anni questi eventi vennero nascosti per non creare problemi. Nel 2004 l’allora Governo istituì la Giornata del Ricordo il 10 febbraio e l’amministrazione ha deciso di intitolare questo ponte agli esuli per ricordare”.

“Siamo qui per ricordare la memoria e cosa è accaduto è semplicemente indicibile. Il ricordo è difficile ed in quegli anni 300.000 italiani lasciarono la terra nella quale per secoli avevano vissuto”, afferma Adriano Sansa, magistrato, poeta ed ex sindaco di Genova nato a Pola, “e quello che è avvenuto è un vero genocidio. Queste persone vennero rastrellate perchè italiane, gettate vive nelle foibe, legate con il filo spinato ed i primi vennero uccisi così da tirare giù gli altri. Fu un difficile esodo di sofferenza ed io, ancora bambino, arrivai in Trentino con la mia famiglia dove fui accolto bene ma non per tutti fu così. Il Presidente della Repubblica Mattarella ha ricordato cosa successe e vi sono state molte polemiche e per decenni si è negato tutto. La memoria è importante e spero che si tramandi anche perchè vi è stata una negligenza della memoria collettiva visto che la politica, per decenni, ha ignorato tutto per debolezza. I profughi hanno patito questa dimenticanza e per anni la memoria è rimasta nella famiglie degli esuli; eravamo sospesi perchè i giovani avevano il desiderio di mettere radici nei luoghi in cui erano fuggiti mentre i più anziani ricordavano con dignità senza lamentarsi ma con rimpianto. Il ponte unisce la memoria negata ed è una ragione di speranza e voglio dire che io ho lasciato quelle terre da bambino ed il grande male è la guerra perchè nessuno difende le vittime. Ringrazio tutti e voglio dire che spero si ricordi sempre di più anche perchè vogliamo essere figli dell’Italia e l’Italia deve fare il suo dovere nel riconoscere cosa successo”.

“Ringrazio il dottor Sansa e voglio dire che siamo orgogliosi di averlo qui oggi”, conclude Lazzari.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *