Please assign a menu to the primary menu location under menu

CRONACA

Savona, morto a 92 anni l’onorevole Aldo Pastore

Medico, assessore del comune di Savona, è stato per anni presidente della Croce Bianca

La scomparsa di Aldo Pastore colpisce profondamente i militanti della sinistra e del movimento democratico savonese, privandoli di un punto di riferimento essenziale nelle battaglie da condurre in difesa della Costituzione Repubblicana e per l’affermazione di quei valori di solidarietà e di uguaglianza per i quali Aldo aveva speso la sua vita fatta di cultura, intelligenza politica, capacità di prodigarsi per gli altri.

Classe 1930, figlio di una delle più fiere famiglie antifasciste della nostra Città, laureatosi in medicina aveva interpretato al meglio il ruolo del “medico di fabbrica” lavorando per primo sul tema del rapporto “salute/lavoro”, fin dal 1962 quando aveva presentato una fondamentale analisi rigurdante la nocività delle lavorazioni all’ACNA di Cengio.

Assessore al Comune di Savona dal 1970 era stato letteramente “l’inventore” della nuova rete dei servizi sociali, imperniata sull’assistenza domiciliare agli anziani e sulla costruzione di invidiabili strutture dedicate all’infanzia.

Eletto alla Camera dei Deputati con le elezioni del 3 giugno 1979 aveva contraddistinto la sua attività parlamentare con una serie di iniziative legislative riguardanti i temi della sanità e del sociale di assoluto rilievo sul piano nazionale.

Conclusa la sua funzione alla Camera dei Deputati aveva presieduto a lungo le Opere Sociali di NS di Misericordia: nel frattempo le vicende interne del PCI, cui apparteneva dall’inizio degli anni’60, lo avevano portato ad opporsi alla “svolta” che aveva portato alla trasformazione del Partito.

Una opposizione non svolta in nome di una visione arretrata e conservatrice della funzione dei comunisti nel nostro Paese, ma piuttosto vedendo nella proposta di mutamento di natura del Partito un punto di vero e proprio “ritorno all’indietro” rispetto ai prioritari compiti di presidio della solidarietà sociale cui fino a quel momento i comunisti italiani avevano adempiuto.

La sua vocazione unitaria lo aveva portato a candidarsi a Sindaco di Savona con le elezioni del 1994: la sua candidatura pur ottenendo un grande successo popolare (oltre 20.000 voti di preferenza) non era riuscita per ragioni diverse, anche interne allo schieramento che avrebbe dovuto sostenerlo, e che andrebbero ancora indagate.

Pastore aveva comunque continuato le sue battaglie in difesa dei ceti più deboli, della sanità pubblica, dell’ambiente continuando a presiedere la Pubblica Assistenza Croce Bianca e animando capacità di riflessione e di iniziativa delle parti più avanzate della democrazia savonese.

Scrittore di grande capacità comunicativa aveva scritto pagine indimenticabili sia sulla nostra Città con la raccolta dei suoi scritti pubblicati settimanalmente dal “Letimbro”, sia nel campo della sua grande passione musicale (fondamentale il testo sui personaggi femminili nell’opera lirica) e sull’umanizzazione della scienza, tema trattato in “Scienza e Utopia”.

La nostra Associazione era stata onorata di accogliere la sua adesione, grande stimolo per il nostro lavoro, e il suo impegno nell’ultima campagna elettorale per l’elezione del Sindaco di Savona, dove Aldo non aveva lesinato l’impegno per sconfiggere la destra.

Il Coordinamento dell’Associazione “Il Rosso non è il Nero”

Nella foto il dottor Aldo Pastore mentre firma, in provincia, un suo libro.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: