AttualitàCultura e Musica

Savona, presentata oggi la mostra “I Libri Ritrovati”. Inaugurazione sabato 16 settembre

Curata dalla prof.ssa Romilda Saggini la mostra è sostenuta dal Rotary
Club di Savona e dalla Fondazione de Mari con la collaborazione del
Comune, della Diocesi, del Seminario Vescovile e dell’Associazione Amici
del San Giacomo.

La lunga ricerca della prof.ssa Saggini ha portato alla scoperta, nel
Seminario Vescovile di Savona e nella biblioteca Dehoniana di Bologna di
oltre cento libri della famosa, già nei tempi antichi, Biblioteca del
convento savonese di S. Giacomo, illustre centro culturale medievale della
città.

Tutto il fondo è stato ripulito e parecchi volumi sono stati restaurati
per intervento della Fondazione de Mari di Savona, che, mostrando
particolare sensibilità verso questi elementi della nostra cultura, li ha
restituiti alla città.

In mostra potremo ammirare alcuni di questi libri, che fanno parte di un
patrimonio venuto alla luce recentemente e mai esposto al pubblico.

Saranno inoltre visibili quarantadue pannelli con dettagli delle
illustrazioni, che sono stati isolate, ingrandite e restaurate a computer
da GBM Venturino del Rotary club di Savona. Il visitatore potrà così
gustare elementi che difficilmente avrebbe potuto rilevare da solo nelle
piccole dimensioni delle pagine. Obiettivo della mostra è infatti dare la
possibilità alle persone di poter apprezzare la bellezza del libro antico
ed il suo fascino, vivo anche nel mondo contemporaneo.

Fondamentali per l’esito della ricerca della prof.ssa Saggini, su cui si
articola la mostra, si sono rivelati diversi ritrovamenti: l’elenco
cinquecentesco della biblioteca di S. Giacomo, (custodito nella Biblioteca
Vaticana, pubblicato in R. Saggini, Biblioteche cinquecentesche in
Liguria. Libri nella diocesi di Savona, Genova, Brigati 2003), i libri
veri e propri conservati nel Seminario Vescovile di Savona, una lettera
d’archivio, datata 1849 indicativa per rintracciare parte dei libri del
convento, ora conservati presso la biblioteca Dehoniana di Bologna e
provenienti dal convento della Pace di Albisola.

Tra i libri esposti, risultano particolarmente notevoli: cinque volumi che
recano la nota di appartenenza a Gabriello Chiabrera; tre volumi Delle
navigazioni et viaggi di Giovanni Ramusio, editi da Giunti a Venezia nel
1606. Si tratta di uno dei primi libri di viaggi e trattati geografici
dell’età moderna: il primo volume riguarda l’Africa, il secondo l’Asia e
il terzo l’America. L’autore, Giovanni Battista Ramusio era un raffinato
diplomatico e ambasciatore della Serenissima con molteplici contatti e in
questo libro egli raccolse più di 50 memoriali di viaggi.

Tra gli altri, saranno esposti: un prezioso incunabolo con illustrazioni,
un libro di un autore savonese, Marco Vigerio, un libro del ‘500 che
tratta di un viaggio da Venezia a Costantinopoli, con interessanti
illustrazioni di paesaggi e città; un’edizione del ‘500 dell’Eneide con
illustrazioni; un libro intrigante appartenuto ad un secentesco savonese,
Giò Lorenzo Baldano, che scriveva sui frontespizi dei suoi libri frasi
d’amore per la sua donna, il tutto con segni crittografici che sono stati
sciolti e interpretati.

Durante il periodo della mostra si avranno occasioni d’incontro, si
terranno conferenze e visite guidate, e gli allievi del Liceo
Chiabrera-Martini svolgeranno attività di supporto alla mostra.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: