Politica

Savona: Rifondazione ancora contro Berruti

La segretaria provinciale del partito della Rifondazione Comunista ed i membri del gruppo consiliare, in merito alla unilaterale volontà espressa dal sindaco Berruti di nominare quale vicesindaco il segretario provinciale del Pd Livio Di Tullio, esprimono il più forte dissenso sia sul piano metodologico che su quello del merito. Nonostante la prerogativa del Sindaco non sia messa in discussione, è evidente che la scelta sul vicesindaco, per la particolare importanza di tale ruolo, non possa che essere condivisa dall’intera maggioranza”.

Così il gruppo consiliare di Rifondazione torna sul cambio in giunta comunale a Palazzo Sisto. “Comportamenti come questi, a nostro avviso, alimentano il distacco dei cittadini dalle istituzioni e danno una grossa mano all’antipolitica, che non mancherà di bollare il tutto, e con qualche ragione, come “giochi di potere”. Questa scelta metterebbe anche in seria difficoltà l’equilibrio della maggioranza che si troverebbe ad avere una forza politica con funzioni di governo sproporzionate rispetto al consenso elettorale ottenuto”. “E’ quantomeno inopportuno, infatti, che il partito di maggioranza relativa abbia il primo cittadino, il vicesindaco, sei assessori su nove con le deleghe di maggiore spessore e importanza, di cui uno contemporaneamente il suo segretario provinciale. Questa scelta, oltre ad ampliare la presenza del Pd in giunta e nella gestione complessiva dell’amministrazione comunale, continuerebbe ad escludere dalla giunta altre forze politiche della coalizione” aggiunge il gruppo di Rifondazione.“Qualora fosse confermata la presenza in giunta di Di Tullio, sarebbero indispensabili le preventive dimissioni da segretario provinciale del Pd, considerando comunque inidonea la sua nomina a vicesindaco, essendo una proposta non condivisa dall’intera maggioranza, tenuto conto che il ruolo di vicesindaco, come quello del sindaco, deve rappresentare la maggioranza intera”.“In merito alle deleghe all’urbanistica, nel ringraziare l’assessore Gaggero per il lavoro svolto e per il rapporto collaborativo con l’intera maggioranza, riteniamo indispensabile che venga sottoscritto un documento che declini puntualmente le linee di revisione e di ridimensionamento del Puc così come concordato in sede di stesura del programma del sindaco l’anno scorso. Rifondazione Comunista si riserva una valutazione più complessiva, sospendendo la propria scelta sulla prosecuzione o meno dell’attuale esperienza nella maggioranza” conclude la nota del partito guidato a livello provinciale da Marco Ravera.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: