Lettere alla redazione

“Se questo è un addio…”

Non siamo noi a dirlo, ma è evidente che tutti percepiamo l’angoscia che da un momento all’altro possa spezzarsi la corda che da eccessivo tempo tendiamo irresponsabilmente. Troppi avvenimenti in breve spazio coincidenti e assommati, troppe tragedie umane legate all’ambiente, troppe situazioni ombrose e ancora da scandagliare, troppe ambiguità e manchevolezze nella politica e nelle Istituzioni, troppe ruberie e guerre d’interessi a scapito della comunità, troppo decadimento morale e culturale: si è smarrita la bussola del buon senso, ognuno pensa a se stesso, non c’è più tolleranza e solidarietà.

Eppure, in tanto sfacelo, qualche tenace radice è sopravvissuta nel fango e piccoli boccioli di speranza si affacciano in cerca di una nuova alba; vi è più normalità tra i cittadini costretti loro malgrado a limitare gli eccessi, gli sprechi, gli egoismi, i sogni; si sta evidenziando una giustizia più coraggiosa e determinata, senza tagliole e libera nelle azioni grazie a una classe di giovani e preparati P.M.; misfatti occulti che hanno offeso e avvelenato la società civile stanno per essere finalmente svelati; c’è un Governo Tecnico di emergenza responsabile che cerca di tenere dritta la barra della nave Italia alla deriva nel mare tempestoso dell’economia. Certo che le difese a questo colasso della civiltà occidentale vanno assottigliandosi ogni giorno di più: come scrive Pietro Barcellona nel recentissimo saggio ‘la speranza contro la paura’ (Marietti editore), la salvezza, se mai ancora possibile, sarà il ritorno ad alternative radicali, la fede, l’amore, il messianesimo, l’accettazione consapevole del proprio destino naturale senza false scorciatoie : se poi tutto ciò non sarà sufficiente, ‘se questo è un addio’, allora semplicemente rassegnamoci in quanto più che una condizione esistenziale è un fatto filosofico.

Gianni Gigliotti
il Movimento

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: