Attualità

Seconde case al mare: non più beni di lusso…

Risulta, da indagini di mercato, che, nel primo semestre del 2017, gli immobili turistici si sono deprezzati ulteriormente rispetto all’analogo periodo precedente: -0,7% il ribasso nelle località di mare e di montagna, -0,8% in quelle di lago. La stima, basata sulle compravendite reali nei primi sei mesi dell’anno, è dell’Ufficio Studi del Gruppo Tecnocasa. In dettaglio, per quanto riguarda i centri turistici di mare, le performances migliori per la prima parte dell’anno spettano alla Sicilia con un aumento dei valori pari all’1,6%. Per il resto , tutte le altre aree di interesse immobiliare a fini di villeggiatura sono in negativo: Emilia Romagna (-0,2%), Campania (-0,4%), Sardegna e Liguria (-0,5%). Più accentuati i ribassi in Toscana (-4,0%) e in Veneto (-2,7%). Tra le altre indicazioni si può però riscontrare un ritorno di interesse per gli acquisti da parte degli stranieri, in particolare in Liguria, in Sicilia e in Campania.

Le quotazioni delle abitazioni nelle principali località lacustri italiane sono in diminuzione dello 0,8%. Buone però le performances delle cittadine sulla sponda veronese del lago di Garda, che chiudono con valori sostanzialmente stabili. La sponda bresciana registra un calo dello 0,2%. Sul lago di Garda si conferma, come da tradizione di villeggiatura, l’interesse all’acquisto da parte dei turisti tedeschi. Quanto alla montagna, i prezzi immobiliari diminuiscono dello 0,7%. In Val d’Aosta il ribasso è stato dello 0,5% mentre è il Piemonte la regione che ha avuto la contrazione più forte con un calo dei valori dell’1,5%.

Da un raffronto storico indicativo emergono tutte le difficoltà causate dalla lunga crisi sul mercato immobiliare turistico. Le abitazioni nelle località di mare, tra il 2007 e il 2017 hanno perso il 39,8% del loro valore; quelle di lago il 27,4% e in montagna il calo è stato del 30,7%.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: