Musica

Secondo appuntamento al cinema a Noli

Dopo la prima proiezione del 5 luglio: Coraline e la porta magica di Henry Selick che ha visto la partecipazione davvero entusiasta e numerosa di oltre 350 persone, 200 sicuramente bambini (tante sono le schede da colorare consegnate ai piccoli), Noli i colori del cinema – seconda edizione – rassegna organizzata dal Comune di Noli, in collaborazione con l’associazione culturale no profit Kinoglaz – offrirà un film dalla straordinaria potenza visiva e in questo caso anche sonora.

Il discorso del re di Tom Hopper del 2010, vincitore dell’Oscar 2011 come miglior film, miglior regia, miglior attore protagonista Colin Firth, miglior sceneggiatura originale, ci trasporta nell’Inghilterra di inizio Novecento, per seguire Giorgio VI, uno dei più popolari sovrani del Regno Unito; uomo che seppe guadagnarsi la stima del suo popolo dimostrando di aver forza e tenacia. Albert o meglio B-B-Bertie, come con scherno poco principesco era chiamato in famiglia, aveva infatti un difetto non da poco: una regale balbuzie che soprattutto nelle occasioni ufficiali ne bloccava l’eloquio. (Ricordiamo che in quel determinato momento storico in Europa Hitler stava conquistando folle purtroppo oceaniche proprio grazie al suo talento di oratore in grado di infiammare milioni di persone proprio perché aveva capito le enormi potenzialità dei nuovi mezzi di comunicazione di massa: la radio e poi il cinema (notissimi sono sia i suoi discorsi, sia le immagini dei cinegiornali dei suoi comizi). Per descrivere la condizione del futuro re, il protagonista è quasi sempre collocato ai margini dell’inquadratura, come promemoria visivo di quanto poco si senta al centro prima di tutto della propria vita. Ma il film è soprattutto la storia di un’amicizia, di due uomini, il re (interpretato da Colin Firth) e del suo logopedista (l’attore sempre troppo poco apprezzato visto l’enorme talento Geoffrey Rush), uno speccio dell’altro. Uno contrappeso dell’altro. Il futuro re è contratto, impacciato, fisicamente ingabbiato nei suoi limiti psicologici ed espressivi. Dall’altra l’australiano logopedista Lionel – l’unico che riuscirà a far uscire il re dalla sua ‘prigione’ è indisciplinato e iconoclasta, ma animato da una profonda empatia che gli permette di risolvere i problemi degli altri. I due si capiscono anche grazie alle solo speculari inadeguatezze: Lionel è un attore mancato, un cialtrone professionista, scopriremo un impostore, proprio come si sente il futuro re Giorgio VI. La legittimazione per entrambi arriverà attraverso la fiducia reciproca e l’ammissione che nessuno può farcela da solo, sia nato principe, sia nato povero.
Il film inizia con l’inquadratura in primo piano del microfono che terrorizza il duca di York – grande, imponente e in grado di spaventare a morte il sovrano, e termina con lo stesso oggetto che ora l’uomo da affrontare. Il film sa dare voce al vuoto, sa essere la storia di un riscatto, di un’amicizia, di una vita che sa uscire dall’incomunicabilità per conquistare se stessa e il mondo, come sottolinea l’allegretto della Settima Sinfonia di Beethoven. Il compositore Alexandre Desplat (scelto da grandi autori e ultimamente anche creatore della colonna sonora di Reality di Garrone), ossessionata lo spettatore utilizzando le stesse note per tutto l’inizio del film, per rimarcare l’impossibile apertura in avanti del re. Nella seconda tappa – la conquistata fluidità, la capacità della parola di scorrere animata e viva – invece sarà accompagnata dalla musica che, sempre misurata, sa tuttavia catturare a pieno il respiro di un tema. Infine il discorso del re appunto: la parola che fa presa, il suono che incide le coscienze, mente e verbo saldamente legati e la musica che, per la prima volta, esce dal riserbo dei soli archi e pianoforte e amplifica, col sapore della sinfonia romantica, la conquistata dimensione esterna.
TUTTE LE PROIEZIONI SARANNO AD INGRESSO GRATUITO
L’evento si svolgerà presso la spiaggia dei Pescatori. In caso di maltempo sotto la Loggia della Repubblica, a fianco del Palazzo Comunale

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: