Musica

Secondo appuntamento con “Il Santuario del Jazz”

Secondo appuntamento, domani sera, con “Il Santuario del Jazz”, evento organizzato dal Comune di Savona, Assessorato al Decentramento, che da anni porta in questa splendida piazza nell’entroterra di Savona alcuni dei nomi più interessanti della scena internazionale. I due appuntamenti previsti per l’edizione 2012 comprendono il quartetto di Jesse Davis e quello di Richard Sinclair, sotto la regìa organizzativa dell’Ass. Musicale Raindogs. Afferma l’Assessore al Decentramento Sergio Lugaro “Con queste iniziative l’amministrazione intende “decentrare” le attività culturali e gli spettacoli estivi dando continuità agli spettacoli già organizzati nella cornice del centro storico e valorizzando quegli scorci e quegli scenari meno conosciuti ma di forte suggestione nei nostri quartieri periferici.

In particolare con “Il Santuario del Jazz” che ha riscosso grandissimo successo in questi ultimi anni si vuole “ancorare” un genere musicale specifico a una zona di Savona già comunque rinomata per l’arte e il turismo religioso. I Dopo il concerto di Jesse Davis uno dei grandi esponenti della scena musicale di New Orleans, è la volta di Richard Sinclair uno dei re della musica progressive anni 70 appartenente alla scena di Canterbury, che si esibirà a partire dalle ore 21.

RICHARD SINCLAIR QUARTET
Richard Sinclair – compositions, guitar, bass and vocals
Gianluca Milanese – flute, sax, ewi
Mauro Tre – keyboards
Angelo Losasso – drums
Richard Sinclair, celebre bassista, chitarrista e cantante inglese, ha fondato negli anni ‘70 storici gruppi dell’area di Canterbury come Caravan e Hatfield And The North, ha militato nei leggendari Camel di Andy Latimer e Peter Bardens, ha suonato nel capolavoro Rock Bottom di Robert Wyatt e in numerosi progetti paralleli tra jazz-rock, progressive e musica acustica. Il successo del terzo album dei Caravan In the Land of Grey and Pink è stato tale che questo disco non è mai andato fuori produzione dal 1971, data in cui è stato lanciato sul mercato. L’avvio di quella che sarà poi denominata “La Scena di Canterbury” vede un quindicenne Richard fondare, con i fratelli Hugh e Brian Hopper, la prima band di Canterbury, i seminali e influenti The Wilde Flowers, nati da una costola del Daevid Allen Trio. Per l’occasione si esibirà con la sua band jazz per un indimenticabile concerto al Santuario di Savona.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: