Cultura e Musica

Seminario di Albenga: terminato il restauro dei libri antichi

Si è recentemente concluso l’intervento di disinfestazione e spolveratura del fondo antico della biblioteca del Seminario. I lavori, effettuati dalla ditta SIS di Padova, si sono svolti nei mesi di novembre e dicembre e hanno comportato il trasferimento dei circa dodicimila volumi che costituiscono il fondo in un locale dove sono stati avvolti in un involucro plastico stagno. In esso è stato immesso azoto, sostanza che , abbattendo gradatamente il livello di ossigeno, è in grado di eliminare insetti, muffe e in genere le cause del degrado e della decomposizione del libro. Dopo circa un mese, i libri sono stati spolverati e riposizionati sui ripiani degli scaffali opportunamente ricoperti da fogli di cartoncino non acido.

Questa operazione, volta alla salvaguardia di un grande patrimonio culturale affidato alla Diocesi, è stato possibile grazie al decisivo contributo della Fondazione De Mari, Cassa di Risparmio di Savona, che ha permesso di dare inizio all’attuazione del progetto denominato: “Il libro antico , la memoria dell’uomo, la nostra storia”. La Fondazione De Mari, costituita nel 1840, lavora per lo sviluppo sociale e culturale della provincia di Savona, con particolare attenzione al patrimonio culturale in essa presente ed anche in questa occasione ha dimostrato grande attenzione e sensibilità. Un grande ringraziamento va al Seminario, nella persona del Rettore, Don Antonio Suetta, che ha permesso l’avvio dei lavori e che ha voluto sostenere l’iniziativa. E’ doveroso ricordare anche l’opera, offerta in modo del tutto gratuito, di alcuni muratori ed imbianchini che hanno stuccato e tinteggiato la sala che ora ospita nuovamente il fondo antico. E’ ora nuovamente possibile visitare il fondo antico ed attingere ancora a questo autentico scrigno di cultura, testimone della lunga storia della nostra Diocesi. La collezione di libri antichi della biblioteca del Seminario è davvero ricchissima: i volumi spaziano dal XV al XIX secolo e trattano gli argomenti più vari: partendo dalla teologia fino alla botanica ed alle discipline giuridiche. Per le loro caratteristiche e la loro provenienza, spiccano su tutti due volumi: il “Leonardo di Chio” e la “Spiegazione del Vangelo in lingua cinese”. Il codice autografo redatto da Leonardo di Chio, arcivescovo di Mitilene ma originario di Genova, è il libro più antico del Seminario; nel colophon è riportata la data con cui si conclude la trascrizione: 22 dicembre 1446. Degno di nota è anche il volume, stampato in ideogrammi cinesi, dotato di un titolo apposto in lingua italiana. Si tratta delle “Spiegazioni del Vangelo in caratteri e linguaggio cinese”. Questo libro, appartenuto al P. Antonio Moretto, Minore Osservante Riformato di S. Lorenzo di Stellanello, reduce dalla Cina nel 1851 dopo nove anni di permanenza in quel regno nella qualità di Missionario Apostolico,può a giusto titolo essere definito uno strumento di evangelizzazione. Esso permette la conoscenza di una cultura, quella orientale, caratterizzata dalla scrittura ideografica, da una particolare carta fatta anche con una componente di seta, da un’originale legatura del libro, molto diversa da quella in uso nel mondo occidentale, ma ugualmente resistente. Il valore del volume va al di là di tutto ciò, esso risiede piuttosto nel suo essere testimonianza evidente della natura missionaria della Chiesa che “per essere sacramento universale di salvezza si sforza di portare l’annuncio del Vangelo a tutti gli uomini”. Come testimoniato da questa grande opera di restauro e di filologia i libri sono un bene di inestimabile valore culturale, non solo estetico e fortunatamente essi non sono soggetti a scadenza come gli alimenti, un altra grande prova della valenza dell’illuministico motto “ Sapere Aude”.

Michele Alluigi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: