Attualità

Senza lavoro: più 18% in provincia di Savona

I tre centri per l’impiego della provincia di Savona continuano a registrare la crescita del numero degli iscritti in cerca di lavoro. Lo attestano i dati resi noti dall’Osservatorio sul Mercato del Lavoro dell’Amministrazione provinciale, spiegando che questo è effetto non tanto di un incremento di chi è alla ricerca di prima o nuova occupazione, quanto piuttosto dell’aumento del numero di coloro che, pur lavorando, mantengono lo stato di iscrizione.

A giugno 2012 gli iscritti ai centri per l’impiego savonesi erano complessivamente 21.832, ovvero 3.297 in più rispetto al giugno 2011, pari ad un incremento del 18%. In particolare gli iscritti sono aumentati del 14% nell’Albenganese, del 17% in Valle Bormida e del 21% nell’area di Savona, confermando che le maggiori difficoltà occupazionali si registrano nell’entroterra e, soprattutto, nel comprensorio savonese. Parallelamente anche gli iscritti alle liste di mobilità sono aumentati del 18% passando da 1.712 a 2.022 unità.  I dati rilevati a giugno 2012 evidenziano come ben il 18,7% degli iscritti sia lavorando. La crescita nello stock è controbilanciata da una diminuzione dei flussi in ingresso nello stato di disoccupazione (479 unità) non solo rispetto al mese precedente (514 unità), ma anche e soprattutto rispetto al giugno 2011 (608 unità). Cresce tuttavia nel mese di giugno il numero degli iscritti nelle liste di mobilità (780 unità): rispetto al giugno 2011 risultano iscritti 310 soggetti in più, anche se al loro interno cresce anche il numero di coloro che risultano occupati (da 668 unità nel giugno 2011 alle 780 unità a giugno 2012). In diminuzione il numero dei diversamente abili in cerca di nuova occupazione (1870 unità a fronte delle 1891 di maggio e delle 1683 unità di giugno 2011). I dati dell’Osservatorio segnalano un aumento nel mese di giugno della domanda di lavoro proveniente dal tessuto produttivo locale, sia per effetto dell’attività turistica sia anche, sia pure in misura inferiore, per le richieste provenienti dall’industria manifatturiera e delle costruzioni. La domanda di lavoro del mese si attesta su livelli analoghi a quelli rilevati nel giugno 2011 evidenziando come il fabbisogno professionale si mantenga inalterato nel corso degli anni. “Emerge tuttavia – è il commento dell’Osservatorio – una qualche differenza nelle tipologie dei contratti applicati. Infatti a fronte di una struttura contrattuale mensile che privilegia il contratto a tempo determinato, seguita dall’intermittente, dal tempo indeterminato, dall’apprendistato, dal lavoro a progetto e dalla somministrazione (il 92,7% dei contratti), si assiste, nell’arco di un anno, ad un aumento del contratto intermittente a fronte di una diminuzione dell’apprendistato e del tempo indeterminato. Il numero dei contratti avviati e non cessati (ovvero la stima del numero degli occupati alle dipendenze) si attesta a 63.984 unità, in crescita rispetto al mese precedente e al giugno 2011 (63.372 unità). L’osservazione dei dati per gruppi professionali evidenzia una crescita nel mese del numero delle professioni qualificate nelle attività commerciali e nei servizi, nelle professioni non qualificate e in quello degli impiegati.. Positiva la tenuta occupazionale nel mese anche se risulta inferiore a quella rilevata nel mese precedente e di giugno 2011 per effetto di un maggior numero delle cessazioni di rapporti di lavoro in conseguenza di una maggiore applicazione di contratti flessibili. “La tenuta occupazionale – avvertono gli uffici della Provincia di Savona – risulta sovradimensionata in conseguenza di un maggior ricorso alla cassa integrazione, con particolare riferimento a quella in deroga”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: