Musica

Serata di cabaret a Loano

Prosegue la rassegna Loano Cabaret, promossa dall’Assessorato al Turismo, Cultura e Sport del Comune di Loano e organizzata dalla I.So THeatre. Domani alle ore 21.00, nell’Arena estiva Giardino del Principe, protagonisti della serata di divertimento saranno Fabrizio Fontana e I Senso D’Oppio, che si avvicenderanno sul palco proponendo le battute e le gag più divertenti del loro repertorio.

Fabrizio Fontana camaleontico personaggio, colonna portante di Zelig, inviato alle Iene e comico tifoso a “Quelli che il calcio”, presenterà nella serata tre personaggi diversi: James Tont, mitico!, il concorrente Gianmaria Fontana….le so….tutte!! e DJ Elia, l’originale “PELO a dimensione umana”. Nello spettacolo “Non solo Tont” si presenterà sulla scena accompagnato dall’immancabile jingle TANANANANA: non si potrà resistere al fascino comico dell’agente segreto più simpatico del mondo, JAMES TONT, alle sue strampalate parole d’ordine (“Squadra che vince?…Non è l’Inter”) e alla mimica che trascinerà il pubblico nelle sue avventure. IL CONCORRENTE GIANMARIA FONTANA….le so….tutte!!, senza essere interpellato, irromperà sulla scena dando una raffica di risposte (….l’immancabile fotosintesi clorofilliana… ), precedute dal suono del suo pulsante immaginario al momento del “domandone” finale” tipo: “Antico popolo completamente privo di donne” il nostro Gianmaria con sicurezza risponde: “gli Ottomani!!!” Per poi esplodere assieme al pubblico con il tormentone LE SO….TUTTE!!! Infine, oltre a JAMES TONT e GIANMARIA a grande richiesta, si trasformerà nel colorato e musicale DJ ELIA, l’originale “PELO a dimensione umana” e monologhi coinvolgenti. I Senso d’Oppio, al secolo Franco (il lungo) e Pietro (il basso), sono, da più di un decennio, facce note della scena cabarettistica torinese. La versatilità artistica, e ancor di più quella culturale, costituisce una delle caratteristiche dell’umorismo dei Senso d’Oppio ed è alla base del successo che stanno riscuotendo. Nel loro show i due attori si destreggeranno attraverso una serie di brevi scene i cui fili conduttori sono il ritmo frenetico e la stupefacente abilità mimica, che si tratti di un surreale mini musical di due minuti o delle bizzarre gesta quotidiane del Sig. Rossi, alter ego alienato di Pietro, o ancora dell’irriverente artista visuale e visionario Victor Pizzeno. I Senso d’Oppio fondono i generi e le influenze più disparate, dalle slapstick all’opera lirica, dai protagonisti della commedia italiana alle animazioni da videogame. Ogni spunto viene rielaborato con sapienza e passione sincera: quello che conta è ridere, in maniera intelligente e di gusto, ogni suggestione è colta per la semplice ma nobile possibilità di divertire. Pietro Casella e Francesco Lattarulo sono cresciuti con il teatro e il cinema, collaborando strettamente col regista torinese Daniele Gaglianone. All’attività drammaturgica hanno sempre alternato imprevedibili performance di strada, attraverso le quali hanno sviluppato una particolarissima verve comica che consente loro di mettere in scena l’assurdità tragicomica di un quotidiano dominato dai luoghi comuni, televisivi e non.

La prevendita dei biglietti di Loano Cabaret si svolge da Lollipop dischi (Via Garibaldi 64, Loano, tel. 019.675488) o sul sito: www.happyticket.it
Costo biglietto: Intero € 8,00- Ridotto € 6,00 (minori 18 anni – maggiori 70 anni). Bambini sotto i 12 anni, ingresso gratuito. Diritto di prevendita €1,20.

Fabrizio Fontana
Dopo alcune esperienze teatrali, il giovane comico milanese, si dedica al cabaret, approdando allo Zelig nel 1997, anno in cui vince il premio di critica e pubblico al Concorso Nazionale di cabaret di Milano. Da tempo gli manca un esame per laurearsi in Economia e Commercio alla Bocconi. Fabrizio Fontana lavora per Radio due e partecipa a diverse trasmissioni televisive tra cui Scatafascio, Facciamo Cabaret, Zelig, Macchemù, Zelig for Iene. Per il cinema recita ne La grande prugna di Claudio Malaponti. Nel 2001 pubblica il libro Le avventure di James Tont (Ed. Mondadori), in onore al suo personaggio diventato un vero e proprio mito.

I Senso D’oppio
I “Senso D’oppio” debuttano per la prima volta nel giugno del 1999, insieme a Fabrizio Nicastro (che lascerà il gruppo nel 2010) portando in scena alcuni sketch divenuti presto parte del loro primo spettacolo “Scimia Sbriciolata”; il loro cabaret si distingue da subito per l’originalità ed il modo di raccontare vicende al limite del reale, attraverso caricature e situazioni spesso assurde rese comiche dall’espressione mimica e fisica dei personaggi. Dal 2007 scelgono di dedicarsi alla costruzione di sketch dai ritmi televisivi lavorando con il laboratorio Zelig tenuto da Teo Guadalupi presso il teatro civico di Chivasso. Nel maggio 2008 partecipano al cinque puntate di Zelig Off proponendo i loro sketch “Videogame production” (parodie di videogiochi). Nel 2009 partecipano a Zelig in prima serata su Canale 5. Rimasti in due nel 2010, i Senso D’ oppio non mollano è cominciano a sperimentare nuovi sketch esclusivamente mimici, che, accolti con entusiasmo dalla Direzione Artistica di Zelig, verranno trasmessi prima nell’ edizione Zelig Off 2010, approdando poi a Zelig Arcimboldi edizione 2011 in prima serata su Canale 5.

Angelo Damiani

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: