Musica

Si conclude il Savona Screen Festival

Ultimo appuntamento con la rassegna cinematografica Savona Screen Festival 2012 sul piazzale del Maschio della Fortezza del Priamar. Domani sera, alle ore 21.30, verrà proiettato il film “Habemus Papam”  di Nanni Moretti con Michel Piccoli e Nanni Moretti. La pellicola ha vinto il Nastro d’Argento Europeo 2011 (Michel Piccoli) e tre David di Donatello 2012 (migliore attore protagonista Michel Piccoli, migliore scenografo, migliore costumista).

Il prezzo del biglietto per la singola serata è di 3 euro. L’apertura dell’arena e delle biglietterie avverrà alle 20.30. In caso di maltempo le proiezioni saranno spostate nella sala del NuovoFilmstudio in piazza Diaz 46r, situata accanto al Teatro Chiabrera.

La trama

Alla morte del Pontefice il Conclave deve eleggere un nuovo Papa. Ma il neoeletto è preda dei dubbi e delle ansie, depresso e timoroso di non essere in grado di assolvere il suo compito. Il Vaticano allora chiama uno psicanalista perché lo assista e lo aiuti a superare i suoi problemi… Con “Habemus Papam” Moretti è riuscito nel benevolo inganno di prendere il pubblico alla sprovvista, utilizzando lo specchietto per allodole del Vaticano per raccontare una storia universale sul peso delle responsabilità e sui limiti dell’essere umano, filtrandola attraverso uno scontro, gentile ma sbalorditivo, tra la sua ossessione psicanalitica e un inatteso (ma non incoerente) fascino nei confronti del sacro. Il film viaggia su due binari paralleli, con il Papa che gira per Roma in preda ai postumi di un rivelatorio attacco di panico, mentre lo psicanalista rimane imprigionato in Vaticano alle prese con una sconcertante, buffa e poetica umanizzazione del Conclave. Mescolando in modo sapiente ed equilibrato lo spirito pungente tipicamente morettiano con la più quieta e interiore ricerca del Papa, “Habemus Papam” procede verso un finale in cui Moretti tira davvero le fila, senza lasciare scampoli, della sua riflessione. Una chiusa che conferma, al di là del divertimento innegabile e della candida leggerezza che accompagna gran parte del film, la lucidità sempre più matura e profonda del suo sguardo sul mondo e sull’uomo.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: