Please assign a menu to the primary menu location under menu

Necrologi

Si sono svolti in forma solenne i funerali di Renata Minuto

ll mondo dell’arte è in lutto per la scomparsa di Renata Minuto
Ceramista e pittrice, 88 anni, è stata la prima donna a realizzare un’opera esposta nei Giardini Vaticani. Savona perde una grande artista, una nobile figlia.L’artista è morta all’ospedale San Paolo, dove era ricoverata da alcuni giorni.In carriera aveva ottenuto molti consensi a livello nazionale ed è stata la prima artista donna ad aver realizzato un’opera d’arte esposta in Vaticano. Un bassorilievo ceramico, realizzato nel 1995, dedicato alla patrona di Savona, Nostra Signora di Misericordia, che fu donato nel corso di una solenne cerimonia a Papa Giovanni Paolo II. L’opera era stata ideata e realizzata alla «Fabbrica Casa Museo Giuseppe Mazzotti 1903» di Albissola Marina. Renata Minuto ha basato buona parte del suo lavoro indagando la storia locale e in particolare i suoi personaggi laici e religiosi utilizzando spesso i cromatismi azzurri tipici della tradizione ligure e savonese. Ha dedicato tre importanti mostre ai papi savonesi, Sisto IV e Giulio II Della Rovere. La prima nel 1985 nel Comune, per i 500 anni dalla morte di Papa Sisto IV; la seconda nel 2004 nella Cappella Sistina per i 500 anni dall’elezione di Giuliano Della Rovere e la terza nel 2008 nel Museo di Castel Sant’Angelo a Roma. Di lei si ricorda anche una mostra su Cristoforo Colombo nel 1992, per i 500 anni dalla scoperta dell’America. Due sue ceramiche dedicate alla Vergine sono fruibili da tutti: una sotto il Palazzo delle Azzarie al Santuario, l’altra nel giardino delle confraternite. Suo, nel 2015, il logo del comitato per il bicentenario dell’incoronazione della statua di Nostra Signora di Misericordia da parte di Pio VII. I funerali sono stati celebrati venerdì 7 ottobre alle 10 nella chiesa di San Giovanni in San Domenico a Savona.Presenti monsignor Marino e l’ex Vescovo Lupi oltre a Don Piero Giacosa. Diversi Confratelli in cappa hanno prestato il loro conforto ai familiari.” La mitezza, che si badi bene non è cedevolezza, traspariva dal suo sorriso – ha detto Sua Eccellenza Gero – . Possiamo definire Renata al pari di una “umanità credente”. Amava la bellezza. Amava un’arte faticata e pacificata, come la fede”.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: