Attualità

Sicurezza sulle strade. Anche i ciclisti dovrebbero proteggersi con il casco

Qualcuno mi deve spiegare il perché anche i ciclisti, non sono obbligati dalla legge a mettersi il casco sulla testa, come i motociclisti. Il fatto di dover andare certamente più adagio, non implica il fatto che essi corrano lo stesso identico pericolo di vita cadendo dalla bicicletta. È cosa illogica e pazzesca il fatto che i ciclisti vengano esonerati dall’indossare obbligatoriamente un casco o caschetto che sia, che possa salvar loro la vita in caso di caduta a terra, per loro errore o perché investiti o, semplicemente urtati da un’autovettura. La legge dovrebbe essere chiara e perentoria, come lo è per i motociclisti, imponendo di indossare una protezione per la testa. Leggiamo e, purtroppo, continuamente verifichiamo, che centinaia di ciclisti cadono a terra dalle loro biciclette, anche a velocità ridotta, perdono la vita a causa di traumi battendo il capo sull’asfalto. Trovo veramente allucinante che il legislatore non abbia tenuto in considerazione tale obbligo e se, ciò è fatto volontariamente, dovrebbe spiegarci il perché. Specialmente in città o sulle strade come la nostra via Aurelia è molto probabile essere toccati, cadendo a terra, o prendere una delle migliaia di piccole buche e rovinare sulla pavimentazione stradale. Credo che non ci voglia davvero molto ad estendere tale obbligo e non me ne importa niente se i ciclisti non saranno contenti per tale norma di legge. Anche la Sanità Pubblica verrebbe favorita, ma al di là di questo la cosa che deve essere più importare ed interessare, è la salvaguardia della salute della persona, ed in questo caso del ciclista. Credo che si sia già perso molto e troppo tempo sul prendere una decisione che appare ovvia e più che legittima.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: