Attualità

slot machine: A SAVONA SI PREDICA BENE, A ROMA SI RAZZOLA MALE

Tutto da ridere, Savona si è ammantata di virginea moralità proponendo sgravi fiscali per quegli esercenti che rinunciano di propria volontà ad installare nei loro locali aperti al pubblico le famigerate slot machine.

C’è stato anche un coraggioso consigliere comunale, di aerea socialista, l’ing. Giancarlo Frumento che si è svelato, in anni lontani come un conlvulso giocatore, ora guarito da ogni forma di dipendenza, mettendo in allerta i giovani delle gravi conseguenze che tali comportamenti arrecano oltre che a loro stessi, alle loro famiglie, alla società.
Ora apprendiamo che il Governo si appresta, su sollecitazione di alcuni Parlamentari, a premiare da 100 a 600 milioni di euro quei Comuni che installeranno più slot machine nei loro territori, insomma più slot e più soldi in arrivo.
La richiesta è stata presentata sotto forma di emendamento alla Legga di Stabilità, a firma dei Deputati Alessandro Pagano (Ncd, Udc), Federico Massa (PD), Alberto Giorgetti (Forza Italia).
A proposito di Giorgetti, già sottosegretario all’economia con delega proprio al settore giochi nel Governo Berlusconi e poi Letta, nel 2014 ebbe ad annunciare di voler abbandonare la politica in quanto disgustato dall’andazzo (dimenticandosi poi di ratificare le dimissioni da Deputato), approdando a lavorare proprio in Lottomatica (le vie del Signore sono infinite anche se a volte poco comprensibili) come denunciò all’epoca il Corriere della Sera in un critico articolo.

Gianni Gigliotti

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: