Please assign a menu to the primary menu location under menu

POLITICAREGIONE

Sostegni per la vitivinicoltura e per il miglioramento delle aziande agricole

Deliberati i bandi a favore dell'agricoltura ligure

La Regione ha riproposto, dopo il felice esito dello scorso anno,  il bando da 90 mila euro, con possibilità di incremento nel caso di richieste in numero superiore a quanto previsto, per investimenti di miglioria nelle cantine dei viticoltori liguri.

La delibera è stata approvata dalla Giunta regionale su proposta del Vice presidente e Assessore regionale all’Agricoltura, Alessandro Piana, che così ha spiegato: “Regione Liguria continua a puntare su un asset strategico per il nostro territorio, valorizzando i prodotti d’eccellenza. La spesa minima per ogni domanda è pari a 2.500 euro ma la spesa massima è stata aumentata da 25.000 euro e a 30.000 euro, con il contributo che garantisce la copertura del 40% dei costi affrontati per l’acquisto di impianti fissi e/o macchinari e/o attrezzature mobili nuove per la vinificazione, la conservazione e lo stoccaggio dei vini a DOP e IGP”. Sono stati stabiliti criteri di priorità per giovani agricoltori e per dimensioni aziendali maggiori di un ettaro. Il termine ultimo per la presentazione delle domande è il 15 novembre.

Coldiretti Liguria, in attesa dell’incontro Stato – Regioni sulle autorizzazione per i nuovi impianti e per i reimpianti viticoli,  considerando la crescita del settore vitivinicolo ligure, aveva raccomandato all’Assessore Piana di tener conto delle indicazioni così esposte:  “La prima cosa su cui porre l’accento – avevano sottolineato Gianluca Boeri, Presidente di Coldiretti Liguria, e Bruno Rivarossa, Delegato Confederale – è la necessità di proporre l’istituzione di una quota minima di superficie da adibire ai nuovi impianti per ogni singola regione pari ad almeno 40 ettari, a prescindere dalla relativa superficie vitata regionale dell’anno precedente. Pur rispettando, dunque, i dettati normativi comunitari contenuti nel regolamento (UE) n. 1308/2013, che prevede esclusivamente il vincolo del rilascio di autorizzazioni all’impianto di nuovi vigneti nel limite massimo annuo dell’1% della superficie vitata nazionale, in questo modo si riuscirebbe a introdurre un sistema di perequazione nazionale con cui consentire alle regioni più piccole, come la nostra Liguria, di avere a disposizione maggiori ettari da poter assegnare per i nuovi impianti, consentendo, così, davvero lo sviluppo maggiore di un settore che è assolutamente trainante per la nostra economia. Come secondo punto in elenco, riteniamo si debba proporre e ottenere la possibilità di assegnazione alle regioni incapienti (vale a dire a quelle risultino avere richieste superiori all’assegnabile) delle quote di eventuali rinunciatari delle altre regioni, così che possano non andare perdute.

Va ricordato inoltre che la  Giunta regionale,  sempre su proposta dell’Assessore Alessandro Piana, con l’ approvazione dei bandi misura 4.1 del Programma di Sviluppo Rurale (PSR)  ha stanziato oltre 12.4 milioni di euro  per gli investimenti nelle aziende agricole singole e associate e per gli interventi marcatamente ambientali o innovativi.

Con questi bandi – così si era espresso l’ Assessore Piana – sarà possibile dare un input importante al settore con aiuti dal 40% al 60% della spesa ammissibile sugli investimenti che determinino una innovazione di processo o di prodotto e che valorizzino gli ecosistemi connessi all’agricoltura. I pilastri di queste due misure, rispettivamente da 5.2 e da 7.2 milioni di euro, riguardano il miglioramento dell’efficienza economica aziendale, la crescita del valore aggiunto reale e percepito con la trasformazione e la vendita diretta, il potenziamento delle condizioni di sicurezza del lavoro, la riduzione dei consumi energetici o di fitofarmaci, la preservazione del suolo e dell’ambiente, la gestione dei rifiuti e dei reflui provenienti dall’attività agricola”. Va ricordato che i bando sono finanziati da fondi europei, con una riduzione dei tempi di istruttoria, pertanto in due fasi di raccolta delle domande: la prima dal 2 novembre alle ore 24 del 31 gennaio 2023, la seconda dal 1 febbraio 2023 alle ore 12 del giorno 12 aprile.

Abbiamo anche introdotto una novità – aveva precisato l’assessore Piana – sotto il profilo del merito: sono finanziabili solo investimenti innovativi in termini di preservazione e valorizzazione ambientale, tecnologia, innovazione varietale, produzione di biogas, controllo informatizzato dei fattori produttivi. L’obiettivo è l’ulteriore crescita di competitività delle nostre aziende, già leader sul fronte della qualità e della preservazione dell’ecosistema”.

 

Immagine: vigneti prresso Albenga da Areamediapress

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: