CalcioSport

Sotto l’ombra Del chinotto “extra” – La “manita” che ridà il sorriso

Era quello che ci voleva ed è arrivato. Un successo per riprendere il cammino in attesa delle prossime verifiche. Nonostante la buona prova sciorinata non più tardi di domenica contro la corazzata Lecco non ci si attendeva, perlomeno nelle proporzioni (un 5 a 2 finale molto rotondo, risultato che non lascia margini di commento). Invece con questa affermazione i biancoblu sono riusciti nell’intento di consolidare il terzo posto con 44 punti (a +4 su Casale e Ligorna), lasciando i rossoblu a 27 a ridosso della zona play-out. La partita era valida  come recupero della 22esima giornata del campionato di Serie D girone A, in quanto era stata sospesa e quindi rinviata lo scorso 3 febbraio a causa di un banale infortunio occorso all’arbitro al 5′ di gioco, sul risultato di 0-0. Secondo il regolamento si è ripartiti dal 1′ e quasi sino al termine della prima frazione di gioco sono stati gli uomini di Grandoni a rendersi puù pericolosi sfiorando il gol in almeno tre occasioni sia per precipitazione che per la grande vena del portiere corsaro Adornato. Come spesso avviene in questo imprevedibile spot è stato però Bennati a portare inaspettatamente in vantaggio l’undici di Celestini
Nella ripresa grazie ad una partenza bruciante con tre gol nel primo quarto d’ora (addirittura nel giro di 8 minuti) ad opera di Virdis, Lombardi e Tognoni gli striscioni hanno ribaltato con veemenza, dilagando poi  nell’ultimo quarto, prima con Piacentini e dopo ancora con Tognoni (doppietta). I levantini recuperati infortunati e squalificati, hanno schierato uno sbilanciato 4-3-3, nel mentre Venneri e compagni che erano chiamati ad una pronta reazione sono scesi in campo con il modulo 5-3-2 confermando tutti i protagonisti della convincente prova con i lariani. Pare proprio che questo l’assetto e queste scelte (specie in trasferta) siano finalmente diventati l’architrave su cui basare le residue speranze di alta classifica. Intanto mentre ci si appresta ad ospitare la traballante Arconatese (stadio Bacigalupo domenica 24 febbraio ore 14.30) sperando di non ripetere le negative esperienze vissute con Pro Dronero e Milano City, vorrei lasciare alcune considerazioni a corollario del match così felicemente conclusosi. Il pacchetto base che si sta consolidando non vede fra i titolari nessuno dei neo acquisti invernali visto che Federico, Torelli, Grandoni e Zola erano in panchina e pertanto non rappresentano al momento una opzione mirata come nella scorsa stagione lo sono stati Balestrero e Guarco veri fautori della rimonta di Chezzi. Il folletto Tognoni per gamba, passo e capacità di saltare l’uomo merita più spazio considerando che l’exploit di Kallon con la Sanremese all’andata non è stato più replicato. Ed infine mi chiedo come spesso mi è accaduto :” E’ mai possibile, che con la Juniores Nazionale in testa al suo girone (sette vittorie consecutive) non vi sia alcun elemento degno di convocazione in prima e che nell’intera rosa non vi sia alcun giocatore (ricordo che anche il terzo portiere Berruti proviene dalla cadetteria velociana) nato calcisticamente nel vivaio?”. Verrò etichettato come un sognatore ma in mancanza di una categoria professionistica desidererei che almeno sette/undicesimi della formazione fossero costituiti da giovani talenti nostrani. Alla prossima e forza Savona sempre!

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: