sabato, Luglio 20, 2019
Home > Sport > Calcio > Sotto l’ombra Del chinotto – La Folgore di Zeus

Sotto l’ombra Del chinotto – La Folgore di Zeus

Furono i Ciclopi a donare alla divinità suprema dell’antica religione ellenica l’arma invincibile. La stessa che domenica si è abbattuta sul Savona privo in panchina dello squalificato mister Grandoni, frenando, se non irrimediabilmente allontanando in maniera definitiva, ogni velleità di secondo posto. Questa volta l’indiziato numero uno è stato il vento. Bisognava cercare un alibi all’ennesimo insuccesso ed in questo ambito il binomio al vertice di via Chiabrera non è certo secondo a nessuno. Si è partiti con i proclami (daremo del filo da torcere al Lecco) per poi trovarsi  a tre gare dal termine alla distanza siderale di 27 punti ( “non potevamo mica competere con una potenza economica di questo livello”…). Si è provato poi a sviare dalle problematiche tecniche ( squadra fin dall’inizio senza un centrocampo che si rispetti) cercando di spostare l’attenzione su bilanci risanati, su presunte entrate di nuovi partner, su originali operazioni di rilancio dell’immagine (flirt con il subbuteo in testa). Si è dato colpa in successione alla freddezza della città, al distacco degli imprenditori locali, alle insanabili divergenze con la tifoseria organizzata, alla classe giornalistica poco professionale e schierata contro, all’amministrazione pubblica ritenuta ondivaga e poco collaborativa, per arrivare alle condizioni del terreno di gioco ed ora la new entry è il vento visto come agguerrito nemico. Nemmeno il ben noto allenatore livornese Mazzarri è riuscito a competere, sebbene quando si trovava all’Inter venisse accusato di trovare scuse spesso improbabili per giustificare le prestazioni al di sotto delle attese, tirando in ballo dopo gli arbitraggi, i compleanni, le trame del Palazzo, anche la pioggia, fornendo di conseguenza altri spunti ai suoi detrattori. Possibile che non si riesca a fare ammenda degli errori fatti con un minimo di autocritica. Ci si chiede per caso se alla base della sesta sconfitta stagionale (terza in casa) che fa tornare in corsa per i playoff anche la temibile Folgore Caratese del vulcanico presidente Criscitiello ci siano premesse dipendenti solo ed esclusivamente da responsabilità interne. Non è che la squadra cambi troppo spesso l’undici base e l’assetto tattico? Non è che tenendo fuori Lombardi e Tognoni si rinunci a conclusioni, assist e spinta in una partita da vincere? Non è un azzardo collocare da terzino destro un interno/esterno sinistro votato all’attacco come Bacigalupo? Non è surreale far gravare la responsabilità della costruzione del gioco ad un reparto consegnato ai piedi dei vari Miele, Torelli e company? I brianzoli erano gli stessi battuti all’andata per 2 a 0 per giunta senza il loro leader e cannoniere Bryan Gioè : possibile che non si sia riusciti a prendergli le misure? Non è bastata nemmeno la diciassettesima rete stagionale (su rigore) dell’isolato e poco servito Virdis per stare dentro al match.Non basta nemmeno che la Sanremese sia da un mese in caduta libera. Fortunatamente gli striscioni sono restati terzi a 53 punti, a -4 dai matuziani secondi, ma di qui alla fine come lungamente preavvisato dovranno difendersi dai tentativi di sorpasso del Ligorna di Monteforte (scontro diretto da non perdere) e dal redivivo Casale che espugnando Chieri si è portato a – 5. Al Miro Luperi di Sarzana giovedì 18/4 andrà in onda l’anticipo pre pasquale con la Fezzanese di Baudi : ora come ora credo che anche il punto andrebbe bene, perchè se si dovesse perdere anche la terza piazza sarebbe da considerarsi a rischio. Terza piazza che in una nobile piazza come Savona non potrà mai coincidere con l’aver disputato un ottimo campionato. Nemmeno i miracoli della “comunicazione pro domo” possono tanto. Nemmeno Zeus potrà riuscirvi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *