CalcioSport

Sotto l’ombra Del chinotto – Parola d’ordine: mantenere il terzo posto

Una partita dai ritmi e dai toni di fine stagione quella giocata tra Chieri e Savona al “De Paoli” e finita, non a caso, a reti inviolate. Incolore nel contesto e terminata con pochissime emozioni, la gara tra gli azzurri di Manzo e i biancoblù di Grandoni è ben rappresentata dallo 0 a 0 che ne è scaturito. A riscaldare gli spalti semi deserti (presente tra i pochi un ex coach del Savona : Salvatore Iacolino) ci hanno pensato solo i cori dei 15/20 fedelissimi ultras che hanno ripetutamente inneggiato al grande ed indimenticato presidente Bettino Piro, scomparso tragicamente un anno or sono. Questa la laconica sintesi della penultima giornata di campionato (33 ^) per il girone A della Serie D che ha registrato la vittoria di molte delle squadre che insidiano ora il terzo posto degli striscioni.Bisognava riscattare la deludentissima prestazione di Sarzana e non si ci è riusciti nemmeno affrontando una squadra che non aveva più nulla da chiedere a che all’andata si era battuta per 3 a 2. Se proprio si volesse trovare un lato positivo alla gara, diremmo che ha permesso di interrompere il mini ciclo di due sconfitte consecutive anche se dall’altro lato lato della medaglia non ha concesso di chiudere anticipatamente il discorso playoff che anzi si è andato complicando maledettamente, lasciando spazio ad ipotesi di eventuali calcoli di scontri diretti e di classifiche avulse.Decisiva sarà quindi la sfida casalinga di domenica prossima contro il Ligorna di Monteforte, in cui basterà un punticino per avere la certezza matematica di quel benedetto terzo posto che consentirebbe di disputare la semifinale play off “secca” al Bacigalupo (il 12 maggio) dove anche un semplice pareggio al termine dei supplementari spianerebbe la strada per passare in finale.Con un girone di ritorno in cui si sono realizzati 20 punti sui 54 disponibili, inanellato ben 6 sconfitte delle 7 totali ed in cui non si è valorizzata a dovere la verve dell’ex capocannoniere Virdis non c’è da stare tranquilli

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: