CalcioSport

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – Alla ricerca dell’alibi su misura

Alla ricerca dell’alibi su misura
Se come spesso avviene, di fronte all’ennesima sconfitta (in questo caso seconda consecutiva), rimandi un sano “mea culpa” e ti preoccupi solo di come giustificarla non potrai mai migliorarti. Se non hai la capacità di analizzare gli errori degli uomini di campo e di quelli di scrivania non arriverai lontano. Mi rendo conto che la considerazione per taluni sia scomoda ma la ritengo necessaria: che questo Vado fosse una scommessa improntata all’ottimismo dettato dalla vittoria del campionato di Eccellenza era già chiaro da luglio e per correggere per tempo le criticità in cui si trova a navigare oggi sarebbe servita una critica più diretta e meno plaudente. Invece ci si è lasciati abbagliare dall’idea che sia sulla panchina che fuori si fosse in grado di essere all’altezza, salvo poi verificare a questo livello non vi è spazio per l’improvvisazione. Allora ecco nascere il limite di appellarsi di volta in volta ad una ridda di giustificazioni sterili che raggiungono solo lo scopo di non andare alla radice del vero problema. Dapprima l’inconsistenza del pacchetto difensivo, per passare alla sterilità e alla non condizione degli attaccanti (con Piacentini e Alessi in primis sul banco degli imputati), per arrivare all’assenza di un play leader che illumini e alla mancanza di “cattiveria” agonistica dei subentranti di turno. Ma non basta perchè il repertorio è vasto. Ora si è fatta strada, udite, udite, la teoria dell’inadeguata “fisicità”, come se il calcio fosse riconducibile a meri parametri antropometrici disallineabili dal contesto del green. Si vorrebbe far credere che i 4 dicesi 4 goals presi sia il frutto di una manifesta inferiorità stimabile in centimetri e chili nei confronti di un Prato “colosso”. Non che si parli di approcci mentali, di organizzazione di gioco, di affinità di coppie e di reparti, di cambi di sistema in corsa, di intensità degli allenamenti, di conoscenza della categoria. I “gulliveriani” toscani sono gli stessi che la domenica prima avevano perso a Bra con l’ultima della classe, che all’esordio hanno incassato 3 reti dal Fossano, che hanno pareggiato in casa con il Serravezza senza segnare, che hanno vinto soffrendo con la Lavagnese  (come verificabile dai tabellini). Se si trovano in testa sarà mica perchè hanno in Toccafondi un presidente ambizioso e smanioso di tornare il Lega Pro (e che gode della stima di club di A che volentieri gli girano giovani da valorizzare), un ds competente come Gianni Califano ( ex centravanti dell’Alessandria, amico di Tavano e vero mentore di tanti ragazzi esplosi in C e B)  e un mister del calibro di Vincenzo Esposito (a Prato già nelle stagioni in terza serie, che ho avuto la fortuna di conoscere quale  coach della Primavera dell’Inter).Basta quindi con la ricerca degli alibi.Anche i calci piazzati meritano attenzione, cura e piazzamento, perchè sono un elemento tecnico su cui prepararsi adeguatamente. La partita all’orizzonte con il Verbania penultimo e con la peggior difesa del torneo insieme ai rossoblù (15 goals subiti inducono alla ricerca di più equilibrio tattico senza scomodare le leggi della genetica) può già essere un’appetibile occasione di riscatto perchè per salvarsi penso che il parco giocatori ci sia tutto sta a come viene gestito. Gagliardi, Gallo, Alessi e company sanno giocare bene, eccome e non difettano certo di personalità.

 

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: