CalcioSport

Sotto l’ombra rossoblù Della prima Coppa Italia – Vado Fc : inizia l’era del ds Davide Sonetti

Dopo il block down, il cartello costituito per i ricorsi, i vari piani strategici a seconda della categoria di competenza prevista, la gloriosa società rossoblù, decisa finalmente a correggere sin dall’inizio gli errori fatti in precedenza. Diciamo che è stata una prima parte di mercato particolarmente turbolenta ed articolata. Tante le trattative imbastite per gli arrivi, anzi definiamoli pure graditi ritorni, di super Capra, Donaggio e Sancinito che comunque non hanno sortito un effetto positivo, dato che i giocatori richiamati hanno deciso di proseguire il proprio percorso con l’Imperia. Da quel momento non sono arrivate tipi di novità sorprendenti o annunci strabilianti per quanto concerne conferme o news. Certo è che dall’organigramma annunciato pareva evidente come fosse vacante l’importante ruolo del direttore sportivo.E diciamo che il primo tassello del nuovo corso della Tarabotto & C si è materializzato quando le voci sul possibile arrivo di Davide Sonetti dal Ligorna si sono venute a concretizzare a stretto giro di posta, nel pomeriggio di lunedì 6 alle ore 18:00, nel complesso sportivo dello stadio “Dagnino”, dove è avvenuta la presentazione del nuovo dirigente, le cui scelte, a quanto pare, saranno determinanti per indirizzare le decisioni di mercato.Ecco il motivo per cui, si mormori, che tutte le operazioni precedentemente imbastite siano state di fatto bloccate, anche sul tema riconferme, in un processo di totale analisi di ricostruzione dell’organico che partirà dall’azzeramento di posizioni di rendita.L’introduzione del patron Franco Tarabotto è stata netta ed esauriente, nel segno di una grande volontà di rinnovamento e di piena efficienza proprio a partire dai ruoli societari. Assorbita l’esperienza con il talismano Aurelio affiancatosi poi a Puggioni ed il periodo di entrata in scena direttamente del numero uno, ora si vuole iniziare finalmente con il piede giusto partendo da un “emergente” che in quel di Ligorna ha fatto indubbiamente bene specie il primo anno di D. Capiremo quanto possa aver contato il rapporto collaborativo con un mister della forza di Monteforte ma le premesse per far bene ci sono tutte.Le prime sue visibilmente emozionate parole vanno in questa direzione, dico emozionate perchè con tutto il dovuto rispetto per la compagine genovese far parte del Vado e giocare al Chittolina è ben altra cosa. “Costruiremo un forte organico per la Serie D, convinti come siamo di aver diritto al ripescaggio.La rosa ora verrà resettata, attraverso colloqui individuali.Il progetto tecnico e sportivo di impronta triennale, è e sarà di ottimo livello, e la struttura tecnico organizzativa attrezzata a dovere.La volontà è quella di essere competitivi ma allo stesso tempo di mettere in mostra i migliori elementi del settore giovanile magnificamente coordinato da Vincenzo Eretta, giovandosi come trait d’union dell’esperienza del veterano Battiston”. Se il buon giorno lo si vede dal mattino sembrerebbe varata sotto i migliori auspici la stagione agonistica 2020/2021. Intanto sotto l’attenta ed accurata regia di Mimmo Tona e di tutto il casting che ha ricevuto l’attestato per aver frequentato l’apposito corso in remoto (capitanato dal responsabile della Scuola calcio prof.Bossolino) l’Educamp Smart Covid 19 prosegue a pieno regime avendo raggiunto la quota record di ben 164 iscritti. Giovani vadesi che crescono cullando sogni che li distolgano dal periodo d’emergenza che stiamo vivendo.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: