Please assign a menu to the primary menu location under menu

CULTURA

Sperimentazioni

Una nuova personalità artistica è approdata a Pozzo Garitta. Il titolo della mostra, “Sperimentazioni”, spiega in modo essenziale l’esigenza da parte dell’Artista di ricerche tecniche che al meglio possano esprimere la sua interiorità, le sue aspirazioni in sintesi i suoi pensieri. Sia il materiale scelto, il PVC per esempio, e l’uso di sovrapposizione di immagini in modo da ricreare il loro fluttuare nello spazio, sono indicativi che vi sia una ricerca proiettata al di fuori della realtà reale ma un desiderio di creare realtà possibili o realizzabili solo al di fuori dell’atmosfera terrestre. Tutto questo ci indica la predilezione per quelle correnti artistiche già del primo ‘900 che con varia accezione vengono definite futuriste, astratte e la vicinanza a certi Autori del passato che hanno superato e scavalcato i confini del quotidiano, la paesaggistica e l’aderenza all’immagine fotografica ma che tuttavia propro dalla tecnica fotografica ha appreso tanti “trucchi”per realizzare le immagini irreali in atmosfere potenzialmente reali.

Eralda Pitto insiste sul fluttuare delle forme-oggetto come il gesto della mano che cerca di tenere sospeso o legato la Luna o un cuore nello spazio, una interpretazione iterante forse monotematica che sa di atmosfera da sogno, ma potrebbe anche esprimere il ricordo del muoversi del feto nel grembo materno. I suoi elaborati, magistralmente ottenuti con materiali e tecniche sempre tesi nella ricerca di una significazione speciale, pure potrebbero esprimere una dipendenza tra contenuto e materia che in un certo senso lo ospita, secondo il binomio inscindibile signifié-signifiant.

Gabriella De Gregori

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: