Cultura e Musica

Spettacolo della Compagnia Teatrale Stabile Assai della Casa di Reclusione di Rebibbia

Il Circolo Anima Aics con lo spettacolo teatrale “alle 2 i monaci tornano in convento” che si terrà il 05 ottobre  alle ore 21.00 presso il Teatro Don Bosco di Savona (via Piave ) si propone di stimolare e sensibilizzare la cittadinanza a non dimenticare ciò che avvenne il 23 maggio sulla strada per Capaci (Palermo) con le strage terroristica-mafiosa ove rimase ucciso il Giudice Falcone, la moglie e gli uomini della propria scorta.

La mafia è un male che cancella il futuro dei giovani di tutto il paese; uno spettacolo che vale la pena vedere, per sostenere diverse giuste cause e per non dimenticare le connessioni che hanno tracciato la nostra storia. Sullo sfondo del decennio di morti illustri che accompagna la tragedia nazionale della strage di Capaci, Giacomo e Agata vivono la loro stagione d’amore. Un amore difficile perché appartengono a due famiglie in forte contrasto.  La ragazza proviene da un nucleo mafioso. le aspirazione di Giacomo sono quelle di fare il musicista e di contribuire alla diffusione di una cultura diversa in Sicilia. I due ragazzi cresceranno tra problemi, drammi sociali e la volontà di tanti giovani siciliani di ribellarsi alla mafia che continua a dettare legge. e non solo in Sicilia. Un sistema che determinerà in modo diverso le loro vite. Lo spettacolo conclude un trittico di opere dedicate alle città criminali tra il 1975 e il 1992, messe in scena dalla Compagnia Stabile Assai del carcere di Rebibbia. Anni che hanno cambiato la storia del nostro paese, descritti e portati in scena da chi quegli eventi li ha vissuti in prima persona. Alle 2 i monaci tornano in convento è il momento di quiete e silenzio – metaforico – in cui vengono collocati gli ordigni della strage di Capaci, nel corso della quale vengono uccisi il giudice Falcone, la moglie e la scorta. Il lavoro illustra il contesto palermitano di quegli anni, le vite spezzate dei giovani che hanno solo due alternative: inserirsi nel meccanismo mafioso o lasciare per sempre la loro terra. Due modi di morire giovani, laddove la terza via, quella della ribellione al sistema, implicherebbe lo stesso una morte, fisica. La mafia è un male italiano, non solo siciliano, che cancella il futuro dei giovani di tutto il paese, consegnando l’economia e la politica nelle mani di delinquenti professionisti anche grazie ad omertà e connivenze. Molto efficace la scelta di rappresentare il contesto sociale come un coro da tragedia greca, i cui componenti sono uniti da un lungo, luttuoso drappo nero. Interessante anche la costruzione della storia attraverso scene intervallate da intermezzi musicali e narrativi, in cui vengono elencati fatti e nomi delle vittime di mafia nel decennio in qestione. Significativa, ancora, la scelta dei brani musicali, ottimamente eseguiti da un’orchestra di sei elementi e da una voce blues.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: