Cultura e Musica

Spettatori soddisfatti al Don Giovanni sul Priamàr

Bello, il Don Giovanni del 15 luglio al Priamàr di Savona. Nella scene minimaliste di Guido Fiorato pochi elementi stazioneranno per tutta l’opera, però ora sono porte, ora sono tavoli, ora bare… In più, qualcosa di caratteristico, di simbolico (e irrinunciabile), compare durante lo svolgersi della trama, in un evento coproduzione del teatro dell’Opera Giocosa, della Fondazione del Carlo Felice di Genova e del Teatro Sociale di Rovigo; Orchestra e Coro del Carlo Felice di Genova diretta dal direttore artistico Giovanni Di Stefano (M° del Coro Marco Balderi), mandolino in scena Amelia Saracco, regia di Elisabetta Courir.Bravi Simone Alberghini nelle vesti del protagonista seduttore, che non ha mancato di regalarci pure attimi di cattiveria pura.

Brava anche Irina Dubrovskaya come Donna Anna, Anna Maria Chiuri come Donna Elvira e Linda Campanella come Zerlina. Simone Del Savio è stato Leporello, un baritono di tutto rispetto che apre i due tempi ‘a capriole’, ricordando che il suo ruolo è un po’ quello di un Arlecchino servitore… però manca pathos nella sua interpretazione. Francesco Marsiglia ci incanta nel secondo tempo, un Don Ottavio premuroso che improvvisamente si impone al centro della scena e il Commendatore di Manrico Signorini, se non ci soddisfa subito, rimedia al finale: un basso giusto per attimi terrificanti! Matteo Peirone non ha fatto faville nel ruolo di Masetto, ma è riuscito comunque nell’intento di regalarci un contadinotto tanto tonto e tanto ingenuo…Un appunto anche sulla scena del lampadario, che consente la fuga a Don Giovanni: una bella idea non accompagnata dall’agilità dell’artista, che prova a saggiare la consistenza della corda d’acciaio. In compenso, meravigliosi gli attimi in cui gli amici che festeggiano Zerlina e Masetto fuoriescono dalla pedana per adagiarsi nei ‘giardini’ della villa, e meraviglioso anche il momento in cui una ragazza copre la figura della statua che parla onde farla scomparire, attenzioni che il pubblico ben gradisce. Ottima l’idea del faccione lunare del Commendatore che ‘strappa’ il cielo stellato (al posto della mano di ghiaccio che anticipa la morte al peccatore, qualcos’altro di tenebroso), ottima l’idea del mantello iniziale di Don Giovanni che poi è lenzuolo nel letto di Donna Anna, e poi ancora copre il corpo del padre morto, favolose le figure che accompagnano nell’ultimo viaggio chi non si vuole pentire, e che poi svaniranno nel nulla… lasciando chi rimane a domandarsi come sia stato possibile!Spettatori soddisfatti che non si sono risparmiati agli applausi.Prossimo appuntamento domani, venerdì 20 luglio, ore 21.30, per “Musical: la passione di Broadway”, con l’Orchestra Sinfonica di Sanremo, diretta dal M° Alvise Casellati, ed il soprano Silvia Lorenzi. In programma: Sergio Rendine (Et vidi coelum novum – prima esecuzione a Sanremo); George Gershwin (The man I love); Leonard Bernstein (West Side Story – I feel pretty); Jule Styne (People); Andrew Lloyd Webber (The phantom of the opera – Ouverture / Evita – Don’t cry for me, Argentina / Cats – Memory / Sunset boulevard – With one look); Harold Arlen (Over the rainbow).

Nella foto sotto, il destino si compie nel “Don Giovanni” del 15 luglio; in alto il Maestro Casellati che domani sera sarà al Priamàr.  

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: