Please assign a menu to the primary menu location under menu

LiberaMente

SPIN DOCTOR: CHI È COSTUI?

Magie, misteri e pozioni utilizzati dagli “stregoni” delle notizie

 

Dopo le recenti elezioni amministrative, alcuni lettori mi hanno chiesto di scrivere riguardo una figura professionale che ormai da anni è presente nel settore della politica: lo spin doctor.

 

Il termine spin doctor significa: colpo ad effetto o colpo da maestro. La traduzione inglese di spin è far girare vorticosamente, doctor in questo caso non è inteso come medico, ma in quanto sapiente.

Ho scritto al singolare, ma spin doctor è da intendersi al plurale, poiché in genere quest’espressione indica sempre un gruppo (a volte verrebbe da dire un vero e proprio esercito) coordinato da un capo.

Solo per fare un esempio, alla Casa Bianca di Washington gli spin doctor superano le 300 unità. Probabilmente vi stupirete per un numero così alto di collaboratori, ma le loro mansioni sono notevoli: le tematiche cardine dell’amministrazione governativa devono dominare l’agenda dei mass media, possibilmente per anni interi. L’immagine e la popolarità del presidente devono sempre essere ai massimi livelli. Per realizzare questi due fondamentali obiettivi serve monitorare il flusso di notizie nell’arco delle 24 h, in modo da poter immediatamente intervenire ad ogni evenienza, per lo spin doctor il fattore tempo è fondamentale.

Se gli spin doctor svolgono bene le proprie mansioni, il loro committente otterrà l’apprezzamento del pubblico (a volte gestiscono l’immagine di attori o personaggi televisivi); nell’infelice opportunità che il  proprio cliente risulti vittima di scandalo, dovranno cercare di limitare i danni.

Gli spin doctor sono stati spesso criticati, in quanto per ottenere i loro scopi essi ritengono che (quasi) ogni mezzo sia lecito: mentire, fornire notizie false alla stampa non crea loro  alcun problema. Daniel Boorstin, uno dei precursori degli spin doctor ha teorizzato il concetto di pseudo eventi: è quello che deve creare uno spin doctor.

Il tipico esempio è quello dei fenomeni metereologici. Se si verifica una calamità naturale (alluvione, tornado) questo è senza alcun dubbio  un evento, mentre la modalità di risposta del governo può sempre essere considerata uno pseudo evento. Per essere più chiari, se lo spin doctor è pagato dal governo egli cercherà di attirare l’attenzione dei media sugli interventi di soccorso: coordinati sapientemente, puntuali, efficaci. Se invece è pagato dall’opposizione si cercherà di far notare l’impreparazione degli interventi: vittime, paesi isolati, enormi danni materiali. Gli spin doctor si metteranno al lavoro per creare immagini, commenti e cercare di evidenziare ciò che è favorevole al proprio cliente; ad esempio uno spettacolare salvataggio con un elicottero (a volte uno pseudo evento può essere falsamente ricostruito) sarà utilizzato per sottolineare la capacità di intervento del governo, generando così un’ondata emotiva che in genere aumenta il consenso. Dopo l’11 settembre 2001 il governo americano non ha potuto negare l’impreparazione dell’apparato di sicurezza, ha cercato di far emergere sui media quanto siano stati eroici i soccorritori.

 

È sempre difficile indicare una data precisa per segnare la nascita degli spin doctor. Nel sito archeologico di Pompei sono state ritrovate mura su cui si inneggiava all’elezione di un politico; possiamo dire che essa sia sorta in contemporanea con l’essere umano.

Probabilmente molti di voi ritengono che il presidente degli Stati Uniti d’America Ronald Reagan sia stato uno dei più importanti statisti del Novecento, colui che ha sconfitto il comunismo e ha creato un’età di benessere e ricchezza. Forse sarete sorpresi, ma le considerazione appena espresse dimostrano che gli spin doctor pagati da Reagan hanno lavorato egregiamente. La parola spin doctor è stata utilizzata per la prima volta in un editoriale sul New York Times nell’ottobre del 1984.

Dopo un dibattito televisivo con avversario il candidato alla presidenza Walter Doole, Reagan era risultato chiaramente perdente. Il suo team di consulenti aveva dichiarato che bisognava lavorare per ribaltare nel pubblico l’idea che Reagan fosse stato sconfitto. Il gruppo di Reagan è stato così efficace da ottenere quello che risulta essere un record, imbattuto ancora oggi: per 24 giorni su 30 l’amministrazione Reagan ha dettato ininterrottamente le tematiche ai mass media. All’epoca probabilmente questa azione era più facile, in quanto non esisteva ancora internet.

Reagan non è stato il primo presidente a sfruttare i divi di Hollywood, ma è colui che (grazie agli spin doctor) li ha utilizzati con maggior efficacia. Il suo team ha capito l’enorme importanza di pubblicare fotografie o video in cui attori celebri apparivano insieme  al presidente, dando l’idea di essere al suo fianco non solo fisicamente, ma anche ideologicamente. Due film di successo degli anni ’80 Rambo e Top Gun sono stati sapientemente utilizzati dagli spin doctor, perfino anni dopo la loro realizzazione. Pensate a quando George Bush jr (1 maggio 2003) è atterrato in qualità di copilota con un caccia militare su una porta aerei e ha dichiarato: “Missione compiuta”.

Se prestate attenzione a come sia stato organizzato l’evento ed anche al fatto che la frase del presidente corrisponde esattamente alla stessa che l’attore Tom Cruise (Maverick nel film) proclama dopo aver vinto uno spettacolare duello aereo.

Visto che generalmente gli spin doctor lavorano nell’ombra faremo ora alcuni nomi, forse poco noti ai nostri lettori: Michael Deaver è stato il capo degli spin doctor di Reagan (ha lavorato con altri quattro presidenti U.S.A), la Thatcher si è avvalsa dei servizi di Bernard Ingham. Dopo di loro tutti i politici hanno ingaggiato degli spin doctor, dal lungo elenco citeremo solamente due collaborazioni eclatanti:

Tony Blair/Alastair Campbell, Bush jr./Karl Rove. Per quest’ultimi abbinamenti potremmo parafrasare Il noto proverbio: chi di (troppo) spin ferisce di spin perisce.

Le amministrazioni Blair e Bush jr. hanno utilizzato gli spin doctor in maniera massicia e spregiudicata. All’inizio ci sono stati trionfi, Blair ha goduto di un notevole credito internazionale dopo la morte della principessa Diana (1996), a seguito del discorso funebre in cui le ha attribuito Il titolo Principessa di cuori: un capolavoro comunicativo. Bush jr dopo l’11 settembre 2001 aveva un consenso notevole.

Forse pensando di poter ottenere tutto ciò che esse desideravano, entrambe le amministrazioni nel 2004 hanno dichiarato l’esistenza di armi di distruzione di massa in Iraq per poter invadere il paese. Dopo alcuni anni i media hanno compreso di essere stati palesemente ingannati (per gli spin doctor questa azione risulta comunque un trionfo, in quanto le intenzioni delle amministrazioni si sono realizzate e per lungo tempo l’opinione pubblica ha creduto loro). Le armi di distruzione di massa sono risultate inesistenti, l’opinione pubblica ha così sviluppato un notevole rifiuto e l’immagine di questi due presidenti risulta screditata ancor oggi, in quanto sono ricordati come mentitori.

 

Come abbiamo appena scritto gli spin doctor non vincono sempre, a volte falliscono, altre pareggiano. Il presidente Bill Clinton è risultato un marito infedele ed un bugiardo. Gli spind doctor sono riusciti a far credere agli elettori che in effetti il presidente era sì un traditore, ma solo in ambito privato,  lo slogan è stato: tradiva la moglie ma non l’America.

Come abbiamo visto per fortuna gli spin doctor non sempre riescono a prevalere, per evitare ciò serve costante attenzione e un’ opera di continua verifica non solo da parte dei media, ma di tutte i cittadini.

Chi desidera porre quesiti od esprimere osservazioni può scrivere al seguente indirizzo email: liberamenteeco@gmail.com

 

 

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: