Attualità

Storie di porto: la vita del portuale raccontata al Circolo San Raffaele

Fatta di fatica, ma anche valori di fratellanza ed amicizia la professione del “camallo” portuale ha visto un’evoluzione sorprendente, passando dall’utilizzo della forza fisica all’utilizzo dei macchinari moderni. La sera del 20 giugno, presso il circolo Acli San Raffaele, da sempre in prima linea per l’accoglienza dei marittimi, il console della compagnia portuale Oriano Alcetti ed il presidente dell’Unione Utenti Porto Giancarlo Poretti hanno raccontato proprio questo.

Essere camalli non significa solo scaricare e trasportare merci, ma comporta essere parte di una squadra, dove il processo di formazione si impara direttamente sul campo, imparando dai più anziani e lavorando a stretto contatto con loro. Nata dall’unione delle compagnie di facchinaggio esistenti sin dall’800 la compagnia portuale prende vita nel 1929 e da allora essa inizia quel processo evolutivo che la condurrà sino ai giorni nostri. Durante l’incontro sono stati proiettati anche filmati presi dall’archivio della compagnia portuale, dove attraverso immagini suggestive si è potuta rivivere l’atmosfera di una banchina dove si sente ancora il vociare degli operai ed i rumori del porto; immancabile anche il ricordo di Don Mario Genta, figura simbolo della realtà del porto di Savona e punto di riferimento per tutti i portuali ed i marittimi. L’incontro è stato il secondo di una coppia di serate (la prima tenutasi lo scorso 6 giugno sulla storia dell’Italsider) ed è stato inoltre presentato il libro “Storie di Porto” di Cesare Rambaudi e Mario Grimaldi: una raccolta di aneddoti, soprannomi e vita vissuta tra le banchine del nostro porto. Grazie al lavoro dei camalli del passato, che si guadagnavano il pane portando sulla schiena sacchi di addirittura 100 chili, si è gettato il cemento che costituisce le fondamenta di quel ponte che lega passato e futuro della vita in porto.

Michele Alluigi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: