Attualità

Tante novità, ma anche tanto allarme per il futuro dell’Opera Giocosa

opera giocosa

Tra le tante novità che sono emerse durante la conferenza stampa dell’Opera Giocosa, venerdì scorso al teatro Chiabrera di Savona, la più simpatica è quella che riprende un’idea del Teatro comunale di Modena: parallelamente al ‘caffè sospeso’ partenopeo, da oggi esiste anche ‘il biglietto sospeso’! Nella pratica, la possibilità di offrire ad un giovane, fra i dieci e i venticinque anni, un biglietto pagato (al costo simbolico di 10 euro), ritirabile al botteghino dietro semplice richiesta.
Ma anche aver rimesso in cartellone, all’inizio dell’anno e per il pubblico dei più giovani, una replica straordinaria di ‘Suor Angelica’ di Giacomo Puccini, è di per se stesso motivo sufficiente a garantire quanto il Progetto Scuole dell’Opera Giocosa di Savona marci alla grande, e il tono entusiastico con cui ne discute Gustavo Malvezzi, docente di Drammaturgia musicale (che con Barbara Catellani dirige l’iniziativa), ne è un’ulteriore prova. Se validamente sollecitato, il pubblico degli studenti reagisce positivamente e spesso anche sorprende. Una nota lieta che, come vedremo, ha soltanto in parte attutito il quadro drammatico in cui si dibatte in questi giorni il nostro Teatro di Tradizione, e che ha portato i vertici dell’Opera Giocosa, in primis il presidente Tito Gallacci, ad un appello pubblico rivolto ai Parlamentari liguri, alle autorità cittadine e regionali, alle personalità della cultura e ai cittadini, riguardo i nuovi criteri di assegnazione dei contributi Fus 2015 per le Attività musicali.
‘Il Teatro dell’Opera Giocosa, – così si legge – dopo sessant’anni di attività, con riconoscimenti importanti da parte di critica e pubblico, si è visto penalizzato da una pesante decurtazione contributiva rispetto agli anni precedenti’. E ancora: ‘La Cultura e l’Arte sono un bene prezioso, non si misurano con una formula matematica (il riferimento è al metodo applicato in sede ministeriale), non possiamo permettere che la nostra voce si spenga nel silenzio e nell’indifferenza assoluta delle forze politiche e amministrative’.
L’incontro richiesto con i nuovi Amministratori della Regione Liguria, a cui si è rivolto il Presidente, non è stato ancora fissato, ma è una delle ultimissime speranze dei responsabili della nostra Istituzione Culturale di piazza Diaz. A leggere le tabelle ministeriali, tutti gli enti liguri del settore sono stati penalizzati (con noi e altre realtà, anche l’Orchestra Sinfonica di Sanremo). I 65 mila euro decurtati per il 2015, notificati all’Opera Giocosa ad agosto (a stagione estiva conclusa!), i 25 mila euro tolti dal bilancio 2014 (di bene in meglio, sigh), hanno posto l’Opera Giocosa di fronte a un grosso interrogativo: sarebbe mica opportuno togliere qualcosa dal calendario autunnale? ‘Ma – riflette a voce alta Gallacci – uscirebbe il problema di quegli abbonati che hanno già pagato, senza contare tutta la cartellonistica già stampata e che ormai è stata diffusa…’, per non dire delle nuove regole ministeriali che richiedono che i Teatri di Tradizione debbano presentare almeno un certo numero di titoli annuali e un certo numero di repliche.
Una situazione sempre più complicata, svelata di fronte al cast che aprirà la stagione autunnale con il ‘Così fan tutte’ di Wolfgang Amadeus Mozart, e che il Presidente ringrazia perché i loro cachet, quando il committente è l’Opera Giocosa, sono sempre più bassi del normale, per la stima e la simpatia che nutrono verso il nostro Teatro di Tradizione. ‘Qui non ci sono primedonne – dirà più tardi il direttore artistico Giovanni Di Stefano – perché siamo tutti primedonne!’.
Nessuno pensi che, in un periodo di tagli generalizzati, questa sia la situazione in cui si siano ritrovate tutte le realtà musicali, perché alcune, al contrario, hanno visto addirittura raddoppiati i loro contributi ministeriali. E nulla possono fare, per pareggiare la situazione, i vantaggi ottenuti dagli accordi con il Carlo Felice e l’Orchestra Sinfonica di Sanremo. In sintesi, dopo aver fatto la richiesta ufficiale di conoscere tutti gli atti che hanno portato ad una diminuzione delle contribuzioni ministeriali, la richiesta è che il budget di spesa ritorni almeno a pareggiare quello di due anni fa.
‘Altrimenti occorrerà mettersi a tavolino e valutare se e come fare la Stagione 2016… – afferma Gallacci -. Eppure, di fronte a me – è il suo rammarico – c’è un bravissimo cast, in grado di soddisfare anche i melomani del Teatro alla Scala!’.
Sulla stessa lunghezza d’onda il direttore artistico Di Stefano, che parla di ottimismo e invita a sperare, ma le sue parole cozzano prima di tutto con il volto serio e tirato, mentre ricorda che le caratteristiche che più contraddistinguono l’Ente, e per le quali siamo tanto rinomati, sono l’inflessibilità e il rigore.
Anche la regista dell’opera mozartiana, Elisabetta Courir, è presente in sala, e annuncia che nei prossimi giorni ci sarà chi, in costume di scena, girerà per le vie di Savona (così come venerdì al foyer, vedi foto), a consegnare biglietti colorati ai cittadini, invitandoli a riempirli di idee e pensieri; i biglietti saranno poi appesi agli alberelli appositi situati nel piazzale antistante il teatro. Scriviamoci sopra il nostro attaccamento alla cultura, alla lirica, e a tutto quel patrimonio che non vogliamo vada perduto!
Infine, ecco brevemente i due appuntamenti della stagione lirica autunnale.
Venerdì 9 e domenica 11 ottobre (rispettivamente alle 20.30 e alle 15.30): ‘Così fan tutte’, dramma giocoso in due atti, su libretto di Lorenzo Da Ponte. Sul palco: Anna Kraynikova, Marina De Liso, Giulio Mastrototaro, Francesco Marsiglia, Linda Campanella e Domenico Colaianni; Orchestra Sinfonica di Sanremo diretta dal Maestro Di Stefano, Coro P.Mascagni di Savona (Maestro Gianluca Ascheri). L’Anteprima per le Scuole ci sarà mercoledì 7, alle 10.
Mercoledì 24 novembre, ore 20.30: ‘Il labbro della Lady’, musica di Carlo Galante, commedia liberamente tratta dal racconto ‘Il caso di Lady Sannox’ di Arthur Conan Doyle, libretto di Stefano Valanzuolo. Sul palco: Francesca Tassinari, Mirko Guadagnini, Matteo Ferrara e Toni Contartese; Ensemble del Teatro comunale di Modena, diretta dal Maestro Carlo Boccadoro; regia di Stefania Panighini. L’Anteprima per le Scuole ci sarà lo stesso giorno, alle 11.

Laura Sergi

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: