Archivi

Attualità

TANTO MARIO RIAPRE … PRIMA O POI

All-focus

Prendendo spunto da una proposta del nostro direttore Roberto Pizzorno che riporto qui di seguito:

“se vi fa impressione vedere il vostro paese deserto e con le saracinesche dei negozi abbassati, ricordatevene quando la quarantena sarà finita perché se non sarete voi ad aiutare i commercianti della vostra città quelle serrande non si alzeranno più e vivrete in una città spettrale per sempre. Sono i piccoli negozi che tengono viva la città, penso che ora più che mai ve ne stiate rendendo conto. Ricordatevi di ciò che stanno perdendo in questi giorni e dei sacrifici che faranno quando riapriranno. Non vi fate prendere dallo shopping inutile online perché in quarantena le cose futili non vi occorrono, piuttosto tenetevi quei soldi in tasca per spenderli quando uscirete di casa. A nome di tutti i commercianti, grazie”.

e da un successivo articolo di Giorgio Siri apparso sulla versione on line dell’Eco di Savona del 14 marzo 2020 “Emergenza di oggi, crediamo nel domani”, desidero proporre alcune riflessioni riguardanti il commercio.

L’arrivo di una malattia su scala mondiale è un evento notevole, il suo passaggio non lascia mai indifferenti. Cosa è stata mai la peste (per la precisione un batterio) del 1300 (quella narrata dal Boccaccio), se non una pandemia, ha ucciso milioni di persone, ma ha portato significativi cambiamenti, dando un contributo per l’avvio del Rinascimento.

Il commerciante è una persona che acquista prodotti di marchi che ritiene adeguati alla propria clientela. Oltre all’aspetto economico, certamente fondamentale, il commerciante fa di più, egli desidera far conoscere e condividere la propria passione per il settore di cui si occupa.

Lo psicoanalista Umberto Galimberti sottolinea che nella nostra società l’unico aggregatore di significati simbolici è il denaro. A quanto pare il prezzo di un prodotto sembra essere l’unico “valore” a cui la maggior parte delle persone è interessata. In effetti il prezzo fornisce alcune informazioni rispetto all’oggetto che si desidera comperare. Questo aspetto è stato particolarmente sfruttato da internet, l’e-commerc propone prezzi bassi, molto concorrenziali rispetto ai commercianti cittadini. Bisognerebbe estendere la nostra riflessione sulla differenza di tassazione applicata a queste due modalità di commercio, ma non ritengo sia compito del nostro articolo.

L’antropologo Marcell Mauss aveva studiato approfonditamente presso i popoli dell’Oceania lo scambio dei loro beni. Aveva definito il dono come: fatto sociale totale.

In effetti, probabilmente non ce ne rendiamo conto, ma quando compriamo un prodotto in un negozio, entriamo in relazione con il commerciante. Oggi sono sorte nuove figure professionali come il personal shopper. Una specie di assistente alle vendite. A mio avviso queste figure professionali hanno avuto successo per l’espandersi di molte catene multinazionali, le quali per abbassare i prezzi risparmiano sulla formazione del personale.

Forse ognuno di noi ricorderà la fornaia felice di donarci un pezzo di focaccia in più quando eravamo bambini, il venditore di dischi (negozi ormai quasi estinti)che vi ha fatto scoprire un cantante per voi sconosciuto, o il libraio che vi ha consigliato il libro che “vi ha cambiato la vita”.
Qualsiasi negoziante che vi abbia fornito anche solo uno questi consigli, ha condiviso insieme a voi una parte di sé.
Davvero vi fidate del consiglio di un nomignolo (nickname) su internet tipo occhisporgenti o orecchiefuse che vi consigliano canzoni o dischi?

Presso gli antichi greci e romani la divinità che presiedeva il commercio e le comunicazioni era Ermes (per i greci) Mercurio (per i romani). Egli era una divinità con molte caratteristiche, tra cui quella di essere un ingannatore. Commercio e telecomunicazioni in effetti nascondono insidie, inganni a volte truffe, tutte qualità appartenenti ad Ermes. Verrebbe da dire che il commercio on line raddoppia quantomeno la possibilità di inganni.

La figura del commerciante è stata elogiata da molti, Luciano Ligabue, in un suo famoso brano esprime quanta certezza possa dare sapere che: “Tanto Mario riapre prima o poi” noi lo auguriamo a tutti

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: