Musica

Tappa ad Altare per la rassegna “Vivi Paese”

Prosegue domani il viaggio musicale itinerante della rassegna “Vivi Paese”, organizzata dall’Associazione Musicae per l’Assessorato al Turismo e Cultura della Provincia di Savona, con il contributo della Fondazione “A. De Mari”, la Camera di Commercio di Savona e la Regione Liguria. Il progetto, nato con l’intento di coniugare la valorizzazione dei piccoli comuni dell’entroterra savonese con la promozione di percorsi artistico-culturali, farà tappa ad Altare, in occasione delle celebrazioni promosse dal Comune per il 65° anniversario della migrazione del vetrai di Altare in Argentina.

Il programma prenderà il via alle ore 18.00, nella sala convegni del Museo del Vetro con i saluti delle autorità. All’iniziativa parteciperà l’Intendente della città di San Carlos Centro (provincia di Santa Fe), gemellata con il Comune di Altare, e il rappresentante della Cristalleria di San Carlos. Sarà proiettato un servizio del Cinegiornale argentino del 1951 sulla prima vetreria altarese nella Provincia di Santa Fe, a cui farà seguito la lettura-racconto a cura di Clara Taffarello. Alle 20.00, nei Giardini del Museo del Vetro, sarà proposto dall’Associazione Commercianti e dalla Pro Loco di Altare l’apericena. Alle 21.00, sempre nei giardini di Villa Rosa, si entrerà nel vivo della rassegna “Vivi Paese” con la lettura teatrale di Mario Pirovano. L’attore genovese ricorderà la presenza e il lavoro dei maestri vetrai di Altare in Argentina, in seguito alla migrazione della fine degli anni ’40 del secolo scorso. Il clima di incertezza del dopoguerra, il desiderio di trovare un futuro migliore, spinsero un gruppo di tecnici vetrai a trasferirsi nel paese sudamericano dove diedero vita a numerose vetrerie. Echi dall’Argentina giungeranno, poi, con l’Ensemble Duomo, che presenterà un programma musicale con ritmi, atmosfere e colori d’Argentina, terra che ha accolto tantissimi italiani alla ricerca di nuove speranze per una vita nuova e diversa! Il repertorio scelto per questa serata attinge dalle colonne sonore di film: Suite da “Il Postino” di Luis Bacalov, Tango pour Claude di Richard Galliano, Libertango di Astor Piazzolla, Suite da “Chocolat” di Rachel Portman e da Speravo che fosse amore invece era un calesse i brani di Pino Daniele Quando quando, ‘O ssaje come fa o’ core, Napule è. Sul palco ad eseguire il concerto ci saranno Roberto Porroni (chitarra), Luigi Arciuli (flauto), Silvia Pauselli (violino), Flavio Ghilardi (viola), Marcella Schiavelli (violoncello).

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: