Economia

Terzo Valico a rischio con il “no” al retroporto

Il progetto logistico alessandrino, al servizio dei porti liguri, rischia di restare a lungo nel cassetto, come del resto da tempo si sospettava, dopo il disimpegno della Regione Liguria e le strategie diversificate dagli scali dell’Alto Tirreno, a favore di accordi con la rete degli interporti del Nord Ovest. Ieri, in Regione Piemonte, c’è stato un incontro al quale hanno preso parte l’Autorità Portuale di Genova, l’Autorità Portuale di Savona, il Comune di Genova, Finpiemonte Partecipazioni Spa, Fondazione Slala, FS Logistica Spa, Provincia di Alessandria e Provincia di Savona.

Al termine il presidente della Provincia di Alessandria Paolo Filippi (nella foto) ha dichiarato che “se la Regione Piemonte pensa che il senso di responsabilità istituzionale da sempre dimostrato dalle istituzioni locali del territorio alessandrino possa essere considerato come una disponibilità a farsi colonizzare in cambio di promesse generiche e di un azzeramento unilateralmente deciso degli accordi pregressi e di tutti gli strumenti negli anni costituiti per governare il processo di sviluppo della logistica alessandrina si sbaglia di grosso”. 
Filippi ha proseguito sottolineando che nell’incontro di Torino si sarebbe dovuto discutere su come rilanciare il progetto della logistica alessandrina e dare seguito agli accordi sottoscritti. “Abbiamo registrato invece – ha detto – l’intenzione della Regione di chiamarsi fuori dalla società Retroporto di Alessandria e di disimpegnarsi da Fondazione Slala. Due decisioni che per quanto ci riguarda confermano quanto noi avevamo pubblicamente denunciato ovvero che la Regione Piemonte considera l’Alessandrino come un’area ‘residuale’ su un fronte che invece è per noi fondamentale anche al fine di realizzare sul nostro territorio gli impegni che noi ponemmo quale condizione per accettare il Terzo Valico ferroviario”. 
”Se questo dovesse restare l’orientamento della Regione – ha avvertito Filippi – è chiaro che ci troveremmo costretti a far prevalere sul senso di responsabilità fino ad oggi dimostrato verso i progetti di sviluppo di scala regionale e nazionale, il nostro dovere di tutelare gli interessi del territorio e delle comunità in esso insediate; anche se tale dovere dovesse comportare la nostra contrapposizione alle posizioni regionali e statali. Per quanto mi riguarda , se non c’è strategia logistica sul nostro territorio, il Terzo Valico è inutile.”

A sostegno delle posizioni del presidente della Provincia, è intervenuta anche la federazione alessandrina del Pd, che ha parlato di incontro “a un tempo chiarissimo e desolante”. La Regione Piemonte, in sostanza, avrebbe elencato nell’ordine:
- che i dieci milioni di euro a suo tempo destinati dalla Giunta Bresso per la strada di collegamento tra lo scalo merci ferroviario e la tangenziale di Alessandria sono stati cancellati e destinati ad altro;
- che il ruolo della Fondazione Slala è ormai considerato del tutto residuale in vista della costituzione di una “cabina di regia” tra le regioni Piemonte, Lombardia e Liguria;
- che la Regione e Finpiemonte Partecipazioni SpA, d’intesa con gli altri soci, vale a dire i porti di Genova e Savona, la Provincia di Savona ed FS Logistica, e con l’unica eccezione della Provincia di Alessandria, intendono disimpegnarsi dalla Società del Retroporto.
”Tutto questo – è il commento del Pd di Alessandria – proprio nel momento in cui stanno per riprendere i lavori di un’opera ferroviaria gigantesca, il Terzo Valico, destinata a produrre gran parte dei suoi impatti e dei suoi disagi proprio sul nostro territorio. Insomma, un vero capolavoro di arroganza e pressapochismo tra loro associati. Di fronte al quale bene ha fatto Filippi a ricordare a tutti, in primis al governo regionale ma non solo, la differenza sostanziale tra l’essere responsabili e portare la sveglia al collo. Il ministro Cancellieri ha di recente sottolineato come il Terzo Valico, a differenza della Torino-Lione, goda di un diffuso consenso tra gli amministratori locali. E’ bene, tuttavia, che sia lei sia i suoi colleghi sappiano che il “bonus” di responsabilità accumulato nel corso degli anni, anche in virtù del lavoro fatto dalle locali amministrazioni guidate dal centrosinistra, è soggetto ad esaurimento”.

Lascia un commento

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: