Cronaca

Tirreno Power: a Roma la decisione sull’AIA

A Roma, ministero dell’Ambiente, si svolgerà domani alle ore 10,30, la conferenza dei servizi convocata in sede deliberante per il rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (AIA) ai due gruppi termoelettrici da 320 megawatt alimentati a carbone in esercizio presso la centrale Tirreno Power di Vado Ligure – Quiliano.

Entra quindi nella fase conclusiva il complesso iter avviato nei mesi scorsi per ottemperare ad un obbligo di legge: senza l’AIA non è infatti possibile proseguire l’attività produttiva. L’AIA sui gruppi a carbone rientra inoltre tra le condizioni poste dalla Regione Liguria per dare il via libera ai lavori di potenziamento e radicale ristrutturazione impiantistica e ambientale dell’insediamento Tirreni Power. La conferenza dei servizi è stata convocato dopo l’acquisizione del parere positivo al rilascio dell’autorizzazione espresso, in sede tecnica, dalla commissione dell’Istituto Superiore per la Protezione e la Ricerca Ambientale (Ispra). In sede di conferenza dei servizi saranno presenti a Roma anche i rappresentanti delle due amministrazioni comunali, Vado Ligure e Quiliano, contrarie sia al rilascio dell’AIA sia al progetto da 1,2 miliardi di euro presentato dall’azienda. Pareri fortemente critici sono stati espressi anche dalle associazioni ambientaliste e dai comitati locali per la difesa della salute pubblica. Tirreno Power difende l’iniziativa sostenendo che a lavori completati la centrale di Vado – Quiliano sarà l’impianto termoelettrico a combustibile fossile più avanzato d’Europa, con un’efficienza energetica che arriverà al 45% consentendo un sensibile miglioramento delle condizioni ambientali. Va anche ricordato che l’AIA è funzionale a consentire l’esercizio dei due gruppi a carbone nel periodo transitorio. Il progetto Tirreno Power prevede infatti il loro completo rifacimento nell’arco di una decina di anni.

Rispondi

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: